x close
SHADOWS, COLORS AND RHYTHM
October 2018

Ho una lunga lista di posti da visitare, distribuiti praticamente su tutto il globo, al punto che dovrei fare un paio rivolte il giro del mondo per vederli tutti. Oggi però rimaniamo a Milano per raccontare un’architettura controversa e ben nota alla comunità internazionale, il condominio Monte Amiata progettato da Carlo Aymonino, con la collaborazione di Aldo Rossi, tra il 1967 e il 1974.

SHADOWS, COLORS AND RHYTHM

Si tratta di un complesso residenziale nel quartiere gallaratese a Milano, concepito come una microcittà utopica, disconnessa dal tessuto circostante fatto di periferia e poco altro.

Siamo entrati nel condominio di Monte Amiata una domenica ad ora di pranzo con il profumo dei pranzi in famiglia nell’aria e ci siamo persi tra passaggi coperti e scoperti, in orizzontale e verticale, lasciando che ad orientarci fossero solo i colori.

SHADOWS, COLORS AND RHYTHM
Una microcittà utopica all’interno della città

Quello che lascia senza parole è la dimensione di quello che sulla carta è solo un condominio: qualcosa come centoventimila metri quadri per più di duemila abitanti. E le distanze, assimilabili a quelle che dividono punti di una città e non di un condominio, si toccano con mano e con gli occhi quando ad attraversare una delle piazze è una persona che guardata dai gradini del teatro all’aperto sembra un pellegrino nel deserto.

Il complesso comprende cinque edifici, passaggi, corridoi, ponti, scale, ascensori e tre piazze di cui diventa teatro all’aperto. I riferimenti a l’unità d’Habitation di Le Corbusier si leggono chiari ma è altrettanto evidente il contributo di Aldo Rossi che ha progettato uno dei cinque edifici e definito da Rossi stesso “na lama che entra dentro il groviglio dell’impianto di Aymonino” con rimandi alla casa tradizionale a ballatoio.

Questa idea di città è complessa, a tratti tumultuosa, scandita da un’infilata di elementi architettonici dai colori riconoscibili diventati la caratteristica più evidente che ad un primo sguardo, si lascia scoprire attraverso una serie di edifici con altezze e profondità diverse, lunghe stecche e volumi cilindrici, percorsi coperti e grandi piazze scoperte, spazi privati e pubblici, come in un ritmo difficile da racchiudere in sole cinque righe di spartito.

SHADOWS, COLORS AND RHYTHMSHADOWS, COLORS AND RHYTHMSHADOWS, COLORS AND RHYTHM
SHADOWS, COLORS AND RHYTHM
SHADOWS, COLORS AND RHYTHM
SHADOWS, COLORS AND RHYTHM
SHADOWS, COLORS AND RHYTHMSHADOWS, COLORS AND RHYTHMSHADOWS, COLORS AND RHYTHM

Photo Credit: simple flair

related readings

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.
© 2010-19 simple flair ™
X

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.