x close
POURPARLER: NEW BEGINNINGS
February 2020

Vi abbiamo raccontato POURPARLER in questo speciale, ed eccoci finalmente con la pubblicazione del primo episodio di questo nuovo progetto.
Tema del primo appuntamento è: NEW BEGINNINGS, i nuovi inizi.

Inizio [dal lat. initium, der. di unire «entrare in; cominciare»]. L’azione, il fatto di cominciare, di dare avvio a qualcosa; principio. (Il Nuovo Treccani)

L’inizio, per definizione è uno: declinarlo al plurale è una contraddizione in termini. Eppure - o forse proprio per questo - abbiamo scelto di dedicare la prima conversazione di #pourparler ai “nuovi inizi”: un dialogo sull’attitudine al cambiamento, la capacità di reinventarsi, il valore di intraprendere percorsi sempre nuovi e, spesso, imprevisti. Ospiti dell’incontro Naomi Accardi e Massimo Temporelli: due persone che hanno saputo trasformare la loro propensione per i “nuovi inizi” in una professione di successo. Anzi, molte.

POURPARLER: NEW BEGINNINGS

Simona Flacco. “Cosa fai nella vita?”. È la domanda di rito che apre una nuova conversazione. Sapere “cosa fa” il nostro interlocutore ci rassicura, perché ci aiuta a trovargli un posto all’interno del nostro personale universo di valori, a comprendere “chi è” - o almeno così pensiamo. Rispondere, però, non è sempre facile.

Massimo Temporelli: È un casino capirlo. Fondamentalmente credo di occuparmi di cultura:  cultura del design, dell’innovazione, del cambiamento, delle start-up. Non sono un tecnico, anche se sono laureato in fisica. Mi sono sempre fatto travolgere dalle passioni che ho vissuto nel tempo. Per dieci anni sono stato curatore Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. All’inizio ho fatto il lavoro dello scienziato, ma col tempo sono diventato una sorta di antropologo, materia che insegno allo IED da qualche anno. Ho iniziato a chiedermi come l’uso della tecnologia cambi la società e la mente umana, qual è il rapporto tra uomo e macchina. Nel frattempo scrivo, faccio cose, vedo gente. Antropologo, fisico, imprenditore, startupper, professore: sul mio biglietto da visita c’è scritto “Homo Sapiens”.

Naomi Accardi. Mi occupo di brand marketing di moda, in particolare sportswear/streetwear, e come hobby scrivo per diverse riviste internazionali (Season Zine, Mundial Magazine, Day Off), un’attività che sta diventando sempre più parte integrante del mio lavoro. Sono cresciuta a Modena, ma sono metà siciliana, ho vissuto a Bologna, Stati Uniti, Germania, Dubai, poi di nuovo Milano. Ho affrontato tantissimi nuovi inizi. Penso di avere la mentalità del CEO: riesco ad avere una visione d’insieme e so come raggiungere un obiettivo.




Riccardo Crenna. Oggi, molto più che in passato, siamo tutti costantemente chiamati a reinventarci. Il “nuovo inizio” è un paradigma della società contemporanea?

Massimo Temporelli: Il 900 è stata l’epoca del Palombaro. Sono le persone che, per fare esperienza, per capire le cose, hanno bisogno di fermarsi in un punto - in una relazione, in una disciplina - e scendere in profondità, scavare finché non ne hanno esplorato ogni aspetto.

Poi c’è stata la fase, che ancora in parte viviamo, del Surfer, colui che scivola sulle cose rapidamente, rimanendo sempre in superficie.

Oggi però credo che il mondo appartenga agli Snorkler: chi si muove tra saperi diversi a una velocità media, ogni tanto si ferma, scende sotto la superficie e impara abbastanza per estrarre del valore e portarlo da un’altra parte. Quando movimento ondulatorio tra la superficie il fondo comporta tantissimi nuovi inizi: gli snorkler sono individui multipotenziali.


POURPARLER: NEW BEGINNINGS
Le persone multipotenziali sono sempre esistite. In passato venivano identificate con gli artisti, i creativi, i “diversi”.

Alberto Dapporto. Dunque cosa significa, oggi, essere “snorkler” o multipotenziali?

Massimo Temporelli: Significa avere sempre voglia di iniziare qualcosa di nuovo. Le persone  multipotenziali sono sempre esistite. In passato venivano identificate con gli artisti, i creativi, i “diversi”: pensate per esempio a Leonardo Da Vinci - scienziato, artista, anatomista. Se eri multipotenziale, una volta, dovevi nasconderti, perché la società non ti capiva. Oggi la tecnologia ha amplificato questa attitudine, perché è lei stessa multipotenziale, veloce, distrattiva: basta schiacciare un bottone per essere da un’altra parte. Allo stesso modo, la persona multipotenziale continua ad “aprire nuove schede” (in inglese, “tab”) nel suo cervello, come nel browser del computer. Ecco, potremmo chiamarli “New Tab”.



Gaia Passi. New Tab si nasce o si diventa?

Massimo Temporelli: Alcuni nascono con una maggiore attitudine al cambiamento di altri: c’è chi davanti al nuovo si blocca, e chi ne è entusiasta.

Naomi: Io ci sono sicuramente nata. Fin da bambina, non sapevo cosa volevo fare da grande. Ho cambiato idea cinquemila volte. Quando sono andata all’università non sapevo cosa studiare, ma volevo abitare in California e per questo ho scelto una facoltà di visual communication a Los Angeles. Anche nel lavoro ho bisogno di cambiare spesso: la mia vita va a cicli di un anno e mezzo-due anni.



Giulia Novati. Cosa può spingerci verso ogni nuovo inizio?

Naomi Accardi: La curiosità e la voglia di fare tutte le esperienze del mondo. E anche un po’ la noia. Sono un’eterna insoddisfatta: non perché non mi piace quello che faccio, ma perché voglio sempre fare di più.

Massimo Temporelli: Nella voglia di cambiamento c’è una buona dose di inconsapevolezza e di oblio: ti dimentichi la fatica che hai fatto per intraprendere ogni nuova strada.



Gaia Passi. La multipotenzialità ha anche dei “lati oscuri”?

Naomi Accardi: Superficialità, improvvisazione, mediocrità. L’avvento della figura del creativo multipotenziale offre molto spazio a persone prive di talento, che s’improvvisano in nuovi ruoli. Il rischio è perdere ogni capacità di approfondimento, rimanere sempre in superficie, fare una cosa solo perché “è bello il titolo”, ma poi il contenuto è zero.



Riccardo Crenna. Il rischio è l’appiattimento culturale: se tutti adottiamo l’attitudine dello “snorkler” rischiamo di perderci qualcosa. Quindi serve qualcuno che continui ad andare in profondità?

Massimo Temporelli: Assolutamente sì. I multipotenziali hanno bisogno dei palombari, di persone che nella vita vadano in profondità in ogni singola materia. Il medico, l’antropologo, l’ingegnere, offrono al New Tab gli strumenti indispensabili per imparare quel tanto che è gli è necessario per “unire i puntini” e mettere in relazione discipline apparentemente distanti tra loro. Senza la loro capacità di approfondire lo snorkler non andrebbe lontano.



Simona Flacco. Qual è la differenza tra essere “multipotenziale” e “superficiale”?

Massimo Temporelli. È importante misurarsi con il concetto di “possibile adiacente”, formulato dal ricercatore statunitense Stuart Kaufmann e ripreso da Steven Jonhson nel libro “Where good ideas come from”: si tratta di un insieme di idee, tecnologie, parole, molecole e così via, molto vicini a quello che esiste realmente ma ancora inesplorati. Nel nostro caso, significa cercare di trovare un un filo conduttore che leghi tutte le esperienze e i possibili “nuovi inizi”.La persona multipotenziale opera come un regista: ciò che conta nel suo lavoro non è tanto la conoscenza tecnica, ma la capacità di visione, di sintesi e di relazione.

“Non è possibile unire i puntini guardando avanti; potete solo unirli guardandovi all'indietro. Così, dovete aver fiducia che in qualche modo, nel futuro, i puntini si potranno unire” (Steve Jobs, discorso ai laureati di Stanford, 2005).

POURPARLER: NEW BEGINNINGSPOURPARLER: NEW BEGINNINGSPOURPARLER: NEW BEGINNINGS

Decalogo del New Tab


  • Riconoscersi. Se affronti con entusiasmo ogni cambiamento, sei sempre pronto a cimentarti in una nuova impresa e non hai paura di uscire dalla tua comfort zone, forse sei anche tu multipotenziale. Questa parola (che non esiste nel vocabolario) indica le persone capaci di mettere in relazione esperienze e conoscenze all’apparenza distanti tra loro, costruendo dei ponti tra discipline diverse. Persone abituate ad aprire tante nuove schede (in inglese, “tab”) nel proprio cervello, come nel browser del computer. Per questo li abbiamo soprannominati  “New Tab”. Se in passato erano considerati dei diversi, oggi, grazie anche allo sviluppo della tecnologia, stanno trovando il loro posto nella società. Riconoscersi è il primo passo; il secondo è assecondare se stessi.


  • Rifuggire la mediocrità. Ti riconosci nella definizione di multipotenziale? Allora fai attenzione: la mediocrità è sempre dietro l’angolo. Fondamentale è sviluppare anche le capacità di approfondimento. Oggi va di moda essere “multitasking”, “eclettici”: ma il New Tab non può limitarsi a una conoscenza superficiale di tante discipline; quando serve deve saper andare in profondità.


  • Individuare l’adiacente possibile. Cambiare vita compiendo una scelta drastica non significa essere multipotenziali. È importante che individui in ogni tua scelta “l’adiacente possibile”, un filo conduttore che guidi il tuo percorso professionale.


  • Non confondere complessità e complicazione. La complessità è parte del mondo, non può essere semplificata, va accettata così com’è. Al contrario, la complicazione può essere semplificata scomponendo il problema e affrontandolo un passo alla volta. I New Tab sono complessi, non complicati.


  • Rispettare chi è diverso da te. Sii consapevole che i “palombari”, o “monopotenziali”,  hanno un ruolo fondamentale nella società: senza di loro non potresti sapere quel poco che ti  serve di ciascuna disciplina per essere in grado di “unire i puntini”.


  • Cercare degli esempi, dei modelli da seguire. Guardati intorno: il mondo è pieno di personaggi “multipotenziali” di successo. Alcuni sono geni indiscussi (li abbiamo già citati: Leonardo Da Vinci, Steve Jobs, Elon Musk, tra gli altri), ma molti sono persone “normali”, che hanno scelto percorsi professionali non lineari. Cercali e ispirati a loro.


  • Non è obbligatorio finire. Che si tratti di un libro, di un percorso di studi o di un lavoro: qualche volta interromperlo va bene, perché hai già imparato abbastanza da quell’esperienza. Il senso di frustrazione deriva dalle aspettative che gli altri hanno nei tuoi confronti. Impara a gestirlo e a capire quando è giusto fermarti.  


  • Avere tanti maestri e non lasciare discepoli. Impara quanto più possibile dalle persone che ti circondano, cogliendo ogni spunto positivo che ti permetta di migliorare. Quando pensi di saperne abbastanza, insegnalo ad altri, ma non cercare a tutti i costi di plasmare qualcun altro a tua  immagine e somiglianza.


  • Essere multipotenziale è come essere poligamo: metti le cose in chiaro, sii onesto e lavora  con persone che accettano questa tua attitudine. Fare più di una cosa va bene, ma in ciascuna devi dare il massimo.


  • Da bohémien a imprenditore di te stesso. La passione è importante, ma non basta. Anche se ami quello che fai, e lavorare per te è un piacere, devi imparare a riconoscere e quantificare il tuo valore sul mercato.


POURPARLER: NEW BEGINNINGS
POURPARLER: NEW BEGINNINGS
POURPARLER: NEW BEGINNINGS
POURPARLER: NEW BEGINNINGSPOURPARLER: NEW BEGINNINGSPOURPARLER: NEW BEGINNINGS

team pourparler: simple flair, Giulia Novati, Eccetera Studio.

_

QUI TUTTO IL PROGETTO POURPARLER

related readings

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.
© 2010-20 simple flair ™
X

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.