x close
Bunder Kunstmuseum
November 2016

L’ampliamento di un museo è sempre un intervento delicato, in un modo o nell’altro sottoposto al confronto tra quello che c’era e quello che viene aggiunto. Il progetto dello studio spagnolo Barozzi Veiga per il Bunder Kunstmuseum a Chur è un intervento intelligente: il museo ospitato originariamente all’interno di Villa Planta viene connesso attraverso il basement al nuovo volume, un monolite in cemento non distante come si immagina dall’edificio originario.

Bunder Kunstmuseum

Volumi e materiali per un dialogo tra vecchio e nuovo

Il dialogo tra il vecchio e il nuovo viene garantito non solo attraverso i collegamenti sotterranei ma viene replicato attraverso il motivo ornamentale presente in facciata e ispirato allo stile palladiano di Villa Planta. Entrambi gli edifici presentano una pianta centrale simmetrica e utilizzano le geometrie come strumento per una maggiore coesione, come ornamento articolato e come semplice layout.

Il nuovo edificio progettato dallo studio Barozzi Veiga prevede gli spazi espositivi sotterranei, mentre il piano con l’accesso da strada include gli spazi comuni lasciando ampio respiro agli spazi esterni di collegamento tra l’edificio preesistente e la recente aggiunta.

Ogni edificio ha una propria identità e vive di vita propria, senza però dimenticare di essere legati per i principi comuni che li regolano, dalla struttura alle decorazioni.

Bunder Kunstmuseum
Bunder KunstmuseumBunder KunstmuseumBunder Kunstmuseum
Bunder Kunstmuseum
Bunder Kunstmuseum
Bunder Kunstmuseum
Bunder KunstmuseumBunder KunstmuseumBunder Kunstmuseum
related readings

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.
© 2010-19 simple flair ™
X

join our community

subscribe simple flair and receive  updates and special contents
Welcome!
Your subscription has been received.
Oops! Something went wrong while submitting the form.