Senza categoria

BAUHAUS REVOLUTION

Parliamo di Bauhaus senza troppi riferimenti alla storia, perché la scuola di architettura e design ideata da Gropius nel 1919 continua ad ispirare tuttora creativi di ogni genere. In modo più o meno dichiarato, i progetti che oggi ricalcano le linee e le forme di una delle scuole di design più famose al mondo sono molti e ci fanno permettono di parlare  Bauhaus come una tendenza attuale.

leyva_saba_1 leyva_saba_2

Il design del Bauhaus

Leyva è la libreria dalla struttura “a griglia” in tondino di ferro verniciato e saldato, disegnata da Giuseppe Viganò per Saba.

La silhouette snella e minimale, unita al design lineare ed essenziale, evoca un’idea di grande leggerezza, rendendola adatta ad ogni ambiente. Da parete o da terra, la libreria Leyva può essere inserita in soggiorni contemperanei o classici.

 

Rollingin, di Gio Tirotto per Mingrardo, è invece un carrello per servizio liquori, un progetto che fonde artigianalità e rimandi alle icone del Bauhaus. Le linee nette, i tubolari e le forme sono tutti elementi da connettere come in un puzzle, per ottenere la fusione di estetica e funzione.

 

ARCHITECTURE / INTERIORS

EXTENDED SCHOOL

Lo Studio Joly & Noiret ha firmato l’ampliamento della Lully-Vauban School Group a Versailles, con un intervento elegante e misurato, pochi fronzoli e molta sostanza. L’estensione comprende sale dedicate al ballo e alla musica e si sviluppa su due piani, all’esterno il volume dalla forma irregolare è in contrasto con l’edificato esistente ma l’aspetto pallido delle facciate rivestite in mattoni.

JOLYLOIRET_5

Il risultato è un progetto scultureo

All’interno le sale destinate alla danza sono al primo piano, con ampie aperture verso il parco giochi esterno, mentre la circolazione verticale e orizzontale è fluida con collegamenti tra spazi condivisi e aule.

Gli spazi destinati alla connessione e le aule sono ben distinti da un uso puntuale e distinto dei materiali, i primi sono dominati dal legno mentre il’uniformità del total white avvolge le aule.

Lo studio francese firma un progetto scultureo, dove luce e ombre ne determinano la percezione finale, ed è animato dall’attività costante svolta tra interno ed esterno, spazi connessi dalle grandi aperture.

 

JOLYLOIRET_10credits: SCHNEPP RENOU

INTERIORS

LES ENFANTS ROUGE

Ubalt Agency è un giovane studio di Interior Design, fondato nel 2015 da Nastasia Potel e Mylène Vasse è l’espressione di un metodo di progettazione poco convenzionale. Las enfants Rouge è un gioco di illusioni, di partizioni nello spazio ideate per riuscire a ricavare all’interno di un ambiente di 36 mq un soggiorno, una cucina, i servizi, un ufficio e una camera da letto senza dimenticare di lasciare intatta l’atmosfera tipica di un edificio del XVII Secolo nel cuore del Marais.

UBALT_5

Gli arredi si adattano alle esigenze



Lo spazio, stretto e lungo per natura viene accentuato con la divisione in tre zone: alle estremità da un lato i servizi e la cucina e dall’altro la camera da letto, mentre al centro ci sono l’ufficio e il soggiorno. L’incastro tra i diversi spazi è stato realizzato con una partizione a fisarmonica che non arriva mai a chiudere del tutto verticalmente lo spazio, lasciando le travi che senza interruzioni caratterizzano tutto lo spazio.

In questo esempio di home office gli arredi sono realizzati su misura e spesso non hanno una funzione ben specifica, si adattano all’esigenza del momento e all’interno del progettano sembrano dei segni grafici al limite del pittorico, esaltati dalla scelta di lasciare tutti gli altri elementi, dalle pareti al pavimento, totalmente bianchi.

La parete a fisarmonica, i mosaici, il marmo, i vetri, le superfici laccate e i tocchi di colore sono gesti progettuali all’interno di uno spazio neutro che coniuga una visione contemporanea del design in contrasto con la storia dell’edificio.


UBALT_17

UBALT_16

credits: ubalt-architectes.com

 

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano