lifestyle / TRAVEL

BEST PLACES IN FORMENTERA

Se c’è un’isola nel Mediterraneo che conosciamo molto bene questa è senza dubbio Formentera, l’abbiamo vista evolvere negli ultimi 10 anni e rimane una delle mete da non perdere.

In due ore di viaggio non solo potete trovare un mare incredibile ma soprattutto trovate un mood, un modo d’essere libero e spensierato.

Una piccola (sono solo 80 km quadrati) perla nel mezzo del Mediterraneo che vi farà staccare la testa da ogni pensiero. Tre paesi principali, strade sterrate con cui raggiungere calette nascoste e tanto sole.

Isola un tempo patria di hippie oggi parla abbastanza italiano ma lo spirito “leggero” rimane ben vivo nell’aria; ogni volta che la consigliamo ad un amico diciamo: “metti in valigia pantaloncini e maglietta, non ti servirà altro”.

Caffè

• Cafè Miranda | Av. Miramar, 30, Es Pujols
E’ un porto sicuro per ogni pasto della giornata, specialmente per la colazione. Bello e buono.

• Ca Nova | C/ Eivissa, 14, San Francisco Javier
Nel centro di uno dei paesi più consigliati dell’isola, Ca Nova è il luogo ideale dal caffè all’aperitivo, senza dimenticare le serate di musica live.

 

Eat (top)

• Ca na Pepa | Plaça de la Constitució, 5, San Francisco Javier
Come molti posti sull’isola qui si può scegliere di  andare dalla colazione fino alla cena, ma è quest’ultima che consigliamo. L’atmosfera di sera è impagabile e il menu non delude mai.

• Bocasalina | Carrer des Fonoll Marí, 2, Pujols
Il servizio è tra i migliori dell’isola e anche la Paella, ma non cedere alla tentazione delle tapas e dei dolci sarà difficile.

• Can Loca | Carrer de la Mar, 2, Es Pujols
Posizione strategica e un menu di pesce di tutto rispetto ne fanno una delle nostre scelte abituali quando siamo sull’isola.

• Japoneria Bufambo | Carrer d’Eivissa, 6, San Francisco Javier
Ebbene si, a Formentera c’è anche un ristorante giapponese e a detta di alcuni la qualità è talmente alta da essere la migliore mai provata. Sicuramente tra le proposte più originali sull’isola.

 

Eat (tipico)

• Gran Iberico | Av. Miramar, 55, 07871 Es Pujols
Il piatto forte è uno: il panino con prosciutto iberico. Per una pausa veloce e per assaggiare un prodotto locale non ha molti rivali sull’isola.

• Pelayo | Platja Migjorn
Assolutamente fuori dalle rotte più battute, la paella del Pelaio è una leggenda. Preparatevi ad un percorso impervio, su strade non asfaltate, per avere la giusta ricompensa.

• Sa Palmera | Carrer de s’Aigua Dolça, 15, Es Pujols,
A Es Pujols di posti rimasti fedeli a se stessi dopo dieci anni sono pochi e il Sa Palmera è uno di questi. Per un’insalata a pranzo e per i calamari di Formentera a la plancha vale la pena fare una pausa dai locali trendy dell’isola.

• Espardell | CL Avda. Miramar Paseo Maritimo, Es Pujols,
Non lasciatevi ingannare dall’aspetto, qui non c’è bisogno di sedie di design, la caratteristica di questo bar/caffetteria è che i dolci e il pane sono fatti in casa. Per questo rimane uno dei posti migliori per la colazione.

Aperitivo

• Piratabus | Platja Migjorn  entrada km 11
Nel caso in cui ci fosse una scelta da fare l’aperitivo del Piratabus è quello che racconta Fomentera nel modo più autentico e c’è chi dice (chiedere a Riccardo per sapere perché) che qui qui si beva il miglior Mojito dell’isola.

• Chezz Gerdi | Camí s’Abeuradeta, 40-45, Es Pujols,
Più che un locale è una leggenda, da vecchio baretto a uno dei posti di riferimento per l’isola e per chi attracca proprio di fronte a questo “chiringuito” con vista mozzafiato sul tramonto.

• Blue Bar | Platja Migjorn, Carretera San Ferran-La Mola, Km. 7.8, Sant Ferran de Ses Roques
Musica dal vivo e location suggestiva, il blue bar è il posto ideale per un aperitivo in perfetto stile Formentera.

• Beso Beach | Parque Natural de Ses Salines, Playa de Cavall d´en Borràs
Qui è tutto molto semplice: si arriva dopo una giornata in spiaggia in costume, infradito e telo mare pronti a godersi il tramonto durante l’aperitivo.

• Lucky | Carretera de La Mola Km 8, Platja Migjorn
Un chiosco a pochi metri dal mare, sulla spiaggia di Migjorn, di quelli che rimangono in testa a anche dopo la fine della vacanza per l’informalità e la leggerezza che si respira a Formentera.

• Codice Luna | Faro de La Mola, km 20, La Mola
Per chi sceglie di vedere il Faro De La Mola è difficile non cedere all’aperitivo di Codice Luna, un locale affascinante per il contesto dove è impossibile rimanere indifferenti.

Shop

• Balafia | San Francisco Javier
una selezione impeccabile di arredi, decorazioni per la casa, abiti e accessori (ma dovrebbero lavorare sull’accoglienza quanto sulla ricerca dei pezzi)

• Casa Catalina | Carrer des Fonoll Marí, 82, Es Pujols
Per chi è alla ricerca di un souvenir da portare a casa per la casa questo è il posto giusto, dai piatti ai tessili tutto merita un posto in valigia.

• Ca Teua | Carrer des Pla del Rei, San Francisco Javier
Nato dall’idea di tre amici amanti dell’arte, del design e dell’architettura, Ca Teua propone una selezione di mobili realizzati con i materiali dell’isola e arredi vintage.

 

Hotel

• Hotel Tahiti | Carrer des Fonoll Marí, 8-28, Es Pujols,
Di recente ristrutturazione, l’hotel Tahiti è tra dei più gettonati a Formentera, con una posizione privilegiata ad Es Pujols.

• Es Mar | C/ Santa Maria, 15, Sant Francesc
Un hotel che ha mantenuto lo stile dell’isola in chiave contemporanea, con 18 stanze, SPA e ristorante è nel cuore di Sant Francesc.

• Cala Saona Hotel & Spa | Carrer Cala Saona, s/n, 07860, Illes Balears
In uno degli angoli più tranquilli e suggestivo dell’isola, l’hotel Cala Saona non è di sicuro una proposta spartana ma la soluzione per chi è alla ricerca di un hotel dal design contemporaneo con i servizi di un alloggio di pregio.

 

Musica

• Club Tipic | Av. Miramar, 164, Es Pujols
E’ l’unico club storico dell’isola, qui si ballava già negli anni ’70 e si continua a farlo con un programma fitto di serate e dj internazionali.

• Pineta Club  | Carrer de Roca Plana, 31, Es Pujols
La soluzione se dopo una giornata tra sole, mare, aperitivi e cene avete voglia di continuare la serata in un club a Formentera è arrivato anche il Pineta.

 

Spiagge

• Illetes | Platja de Ses Illetes, 07871
Parte del parco naturale delle Saline, è un sogno ad occhi aperti. Sarà come entrare all’interno di una cartolina, con sabbia bianca e mare indimenticabile.

• Pirata | Platja Migjorn  entrada km 11
Il chringuito c’è e lo avete trovato tra i più consigliati per l’aperitivo, la spiaggia è un mix di sabbia finissima e mare cristallino. Cosa si può  volere di più?

• Calo des Mort | Torrent des Arbocers,
La spiaggia segreta meno segreta di Formentera, questa spiaggia rocciosa è difficile da trovare e anche da raggiungere. Le dimensioni ridotte la rendono anche spesso affollata ma la vista dall’alto non ha paragoni in tutta l’isola. Solo per temerari.

• Es Pujols 
Non è solo il paese con più attività commerciali e cuore del turismo, qui anche le spiagge meritano di essere viste. Rimane il paese più completo per chi ha voglia di spostarsi poco e vivere comunque l’isola a pieno.

• Migjorn
con i suoi 6 km di estensione è tra le spiagge più grandi di Formentera, in una delle zone più selvagge dell’isola è ricca di insenature rocciose e calette.

• Cala Saona | Carrer Cala Saona, 07860
A pochi km da Sant Francesc, cala Saona è tra le più belle e frequentate. Consigliata la passeggiata per vedere dall’alto questa caletta e se c’è bisogno di una pausa no manca nemmeno il chiringuito.

• Platja de Levant (Tanga Beach) | Carrer de Llevant, La Savina
Sabbia bianca e mare cristallino, alterna zone incontaminate a strutture ricettive con chioschi e ombrelloni,

• Sa Roqueta  
A circa 1,5 km da Es Pujols è un’alternativa meno turistica alla spiaggia di Es Pujols, l’ideale per chi ha voglia di trascorrere qualche ora in una delle spiagge storicamente frequentate dai nudisti dell’isola.

Photo Credit: simple flair

DESIGN / FASHION / photography

LIDO, QUANDO UN BRAND NON SBAGLIA NULLA

Online si fanno delle belle scoperte e Lido è uno di questi casi. Mi sono trovata così di fronte ad un brand indipendente nato dal desiderio di attualizzare, attraverso una collezione chiara e pulita, lo sconfinato mondo del beachwear.

Lido è alla prima collezione ma le idee sembrano essere chiarissime e ogni elemento, i colori, le foto, la grafica, sono tutte dimostrazioni di un progetto costruito senza trascurare nessuna componente.

Sei pezzi in tutto, tra costumi interi e due pezzi, assolutamente monocromatici, tutti pronti per finire nella valigia di architetti e designer che, come abbiamo visto, hanno le idee ben chiare quando si parla di abbigliamento.

Un brand indipendente, una collezione senza tempo.

Lido è senza tempo, funzionale e contemporaneo, un brand senza bisogno di fronzoli per avere un’identità forte, riconoscibile e che genera dipendenza assoluta.

Come se tutto questo non bastasse, la collezione è stata immortalata da Luca Campri in una location che racconta molto del brand e del perché sia facilmente diventato uno dei miei preferiti, tra i colori e le forme di un’icona dell’architettura, la Muralla Roja progettata da Ricardo Bofill.

Dei sei pezzi della collezione ognuno ha un nome e, seguendo la numerazione dei modelli, il due è finito nella lista dei desideri per l’estate 2017. Il sito web di Lido merita una visita per la grafica che riflette perfettamente il brand e per scoprire qual è il costume che preferisco!

 

Photo Credit: Luca Campri

INTERIORS / lifestyle / TRAVEL

ALEX HOTEL

Un hotel a Perth dove si vive l’esperienza dell’ospitalità contemporanea, fatta di scelte progettuali misurate e grande attenzione ai servizi. Alex Hotel non permette solo di dormire in stanze confortevoli, sostituendo le intime stanze della propria abitazione con quello di un hotel dove gli arredi sono di Douglas and Bec e oltre al wifi ci sono dei letti dove dormire sonni profondi.

Se le stanze sono per dormire, gli ambienti comuni sono per vivere. All’interno di Alex Hotel si trovano spazi per il relax, per poter lavorare ma anche un calice di vino e una terrazza panoramica. Niente male, no?

ALEX_HOTEL_PERTH_10credits: alexhotel.com.au

ARCHITECTURE / TRAVEL

3 SITES TO STAY IN DESIGN BEAUTIES

Nell’era in cui i portali come Airbnb riscuotono più successo di hotel e guesthouse, sembra inevitabile che gli alloggi del futuro per chi viaggia saranno case di privati. Tuttavia, questo non comporta necessariamente rinunciare ad ambienti di design né alla possibilità di scoprire nuove architetture.

Esistono infatti diversi portali specializzati negli affitti – a breve ma anche a lungo termine – di ambienti architettonicamente eccezionali. Abbiamo già parlato di Behomm e ora ne abbiamo selezionati altri tre.

WAKEUPINIT

1 • A dispetto del nome, Hotel Rotterdam, Wake up in It non è un hotel. Si tratta infatti di una vera e propria piattaforma che ha lo scopo di connettere le città agli eventi culturali del luogo, introducendo i professionisti che lavorano nello stesso ambito agli eventi e garantendo il pernottamento a casa o negli studi dei vari professionisti creativi.

Un ottimo modo per unire attività, alloggi e persone con gli stessi interessi.

LIVINGARCHITECTURE_2

2 • Living Architecture ha una missione: cambiare la percezione comune dell’architettura moderna. Per questo non solo commissiona ad eccellenze del mondo del design e dell’architettura la realizzazione di case in Inghilterra, ma dà a tutti anche la possibilità di prenotare per un soggiorno.

MANSHAUSEN

3 • HOLIDAY ARCHITECTURE è più di un semplice sito di alloggi in affitto. Ciò che infatti si propone di fare è di connettere coloro che offrono l’affitto di appartamenti dal design e l’architettura eccezionale con ospiti che offrono vacanze in altri luoghi in ambienti della stessa qualità.

Attraverso questo sito non si può prenotare, si viene invece messi in contatto direttamente con i proprietari dell’alloggio desiderato. Il risultato è allora un network di appassionati e professionisti del mondo dell’architettura in ogni angolo dell’Europa.

credits: wakeupinit.com, urlaubsarchitektur.de, living-architecture.co.uk

lifestyle / TRAVEL

FOUR STORES TO FOLLOW ON INSTAGRAM

Instagram è il mio nuovo Google. Uno strumento per conoscere realtà in alcuni casi distanti geograficamente ma stilisticamente molto simili, un piacere per gli occhi e per la testa. Non si tratta di brand, questo sarebbe un capitolo a parte magari da aprire in un altro post, ma di negozi dove la selezione di prodotti è impeccabile e gli interni da far girare la testa, il tutto con una coerenza stilistica  al limite del maniacale (quella che mi piace). Solo dopo aver selezionato i profili mi sono accorta che tre di quattro sono a Berlino e non è un caso, come non mi ha sorpresa scoprire che il quarto si trova a New York.Foto 17-05-16, 11 24 50

Totokaelo.

Siamo a NY, la città dove ogni visita è come un salto nel futuro, in quello che si vedrà in Italia nel giro di un anno. A questo indirizzo di New York abbiamo dedicato già un post perché oltre al profilo Instagram gli interni sono bilanciati perfettamente tra il minimale e il calore del legno.
instagram.com/totokaelo/

Foto 17-05-16, 11 25 36Murkundis.

Sono sincera, se non fosse stata per la vicinanza al monomarca di Acne Studios  probabilmente non ci sarei mai arrivata e sarebbe stato un grosso errore. Questo negozio è nel circuito di posti da vedere a Berlino, lontano dal turismo ma vicino alla ricercatezza e allo stile che immaginavo in questa città europea dove sembra di respirare la stessa aria frizzante del Village a New York. Una galleria di arredi che ruba la scena agli abiti.
instagram.com/andreasmurkudis/

Foto 17-05-16, 11 23 45Voo Store.

Mecca dello shopping e anche ottimo profilo per fare scouting di brand interessanti, senza mai dimenticare di lasciare un cuore ad ogni foto delle finestre verdi di questo imperdibile store di Berlino.
https://www.instagram.com/voostore/

Foto 17-05-16, 11 26 00The Store.

Se fosse una partita a poker questo sarebbe il momento di farei “all in”: è come un cerchio che include e si chiude intorno all’esperienza dell’acquisto. Siamo a piano terra della Soho House e anche se il profilo IG è uno dei miei preferiti non rende comunque la bellezza del posto.
Riassumendo:
arredi pazzeschi: ci sono (e avrei comprato tutto);
selezione di capi tutti da comprare: c’è;
fiori: ci sono;
cibo: c’è (ottimo il brunch);
libri: ci sono;
clienti belli da vedere: ci sono;
instagram.com/thestoresdotcom/

Io se potessi esprimere un desiderio e decidere quale di questi spostare a Milano, meglio se vicino casa, sceglierei “The Store”, per ora lo seguo su IG e aspetto di tornare a Berlino.

Page 1 of 19
1 2 19
© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano