agenda / interviews

5 OGGETTI DI ALICE STORI LIECHTENSTEIN

In occasione di Operae, la fiera dedicata al design indipendente a Torino, incontriamo Alice Stori Liechtenstein, la curatrice per l’edizione 2017.

Alice Stori Liechtenstein per l’edizione 2017 di Operae ha individuato nel tema Why Design la lente interpretativa con cui guardare ai progetti esposti dal 3 al 5 Novembre a Torino, quest’anno all’interno del Lingotto.

Oggi la curatrice si racconta attraverso 5 oggetti, senza limiti di genere, funzione e forma, perché su simple flair all is design.

La curatrice di Operae 2017

I 5 oggetti di Alice Stori Liechtenstein:

La Superleggera di Gio Ponti. Elegante, non pretenziosa, senza tempo. Appare fragile ma é incredibilmente stabile e comoda perché fatta ad arte. Trovo che sia la sedia per eccellenza.

• La penna di Muji. Mi piace prima di tutto come scrive, ma anche la sua neutralità, il fatto che non ci sono scritte. Ne ho sempre una dietro e non m’importa di quale colore.

• Moleskine. Si abbina perfettamente alla penna ovviamente. Ho sempre dietro un taccuino perché amo scrivere liste di cose e quando mi annoio disegno. Preferisco il formato piccolo con la carta spessa.

• La caffettiera Bialetti. Mi piace il rumore che fa il caffè uscendo, mi piace la semplicità dell’oggetto. Per me é la quintessenza dell’italianità. E poi dura una vita.

• Tavolo Isochrone di mischer’traxler. È un tavolo che mischer’traxler hanno realizzato per me durante il loro soggiorno a Schloss Hollenegg. È un oggetto prezioso ma fatto però con materiali semplici.

Photo Credit: Alice Stori Liechtenstein. Graphic Desin: Erika Nuzzo.

agenda / DESIGN / EXHIBITIONS

DOVE CI VEDIAMO IN AUTUNNO?

Un autunno che racconta il design da tanti punti rivista, attraverso manifestazioni diverse e complementari che ruotano intorno al mondo del progetto e lo rendono protagonista.

• Biennale di design di Lubiana. La venticinquesima edizione della edizione più longeva dedicata al design è stata affidata alla curatela dell’italiana Angela Rui e della slovena Maja Vardjan e si intitola “Faraway, So close”. Incursioni dai maggiori protagonisti del mondo del progetto per raccontare il progressivo ritorno alle campagne attraverso la Biennale di Design in corso fino al 25 Novembre.

• Brera Design Days. come recita il sito web: “un ciclo di incontri, mostre, workshop incentrati sul tema Progetto e innovazione tra digitale e territorio”. Per continuare il dialogo tra Milano e il design l’appuntamento è in Brera dal 6 al 12 ottobre.

• Venice Design Week. Anche Venezia ha la sua design week ed è aperta non solo agli addetti al settore ma anche ad appassionati e curiosi alla ricerca di nuovi stimoli tra esposizioni, workshop e eventi. Quello dal 7 al 15 ottobre è un bel periodo per tornare a Venezia, da non sottovalutare la concomitanza con la Biennale d’Arte.

Tutti gli appuntamenti da non perdere

• Milano Design Film Festival. Una manifestazione che utilizza codici espressivi del linguaggio audiovisivo per raccontare la cultura del progetto. Film d’autore e di registi esordienti per svelare modi d’abitare, design, architettura, city planning e sustainability. L’appuntamento è al Cinema Anteo dal 19 al 22 Ottobre.

• Operae. l’edizione curata da Alice Stori Liechtenstein offre una lettura più aperta del design, dai confini indefiniti e con la voglia di innescare un cambiamento. A Torino dal 3 al 5 Novembre.

Ordine Disordine Caos. Arriva il secondo appuntamento della trilogia curata da Riccardo Crenna e Simona Flacco di simple flair con Davide Fabio Colaci per The Box Milano, supportati da Arper. Il secondo appuntamento indaga il tema del disordine attraverso il progetto di Astrid Luglio. L’appuntamento è il 29 Novebre da The Box Milano, in Piazza Bertarelli 4. Qui è vietato mancare!

Photo Credit: Visit Lubiana, MDFF.

INTERIORS

TABULA RASA A TORINO

Un progetto di Andrea Mercante e Adelaide Testa nel cuore di Torino, un appartamento ristrutturato con un’identità propria, in continua evoluzione.

Il progetto parte da una tabula rasa totale degli interni, ridefiniti dal progetto di Mercante Testa in un delicato equilibrio tra colte citazioni del passato accostate ad un approccio totalmente contemporaneo.

Le finestre su strada dalle dimensioni ridotte portano gli architetti a stravolgere la distribuzione interna: il soggiorno e la cucina si affacciano sul cortile interno dove è stato possibile ingrandire le finestre, mentre  le camere da letto e i bagni sono stati collocati sulla facciata principale, parzialmente soppalcati per ospitare zona studio e guardaroba.

Un’architettura nell’architettura 

Le due zone, quella intima delle camere e quella conviviale del soggiorno, sono nettamente separate e distinte: la zona giorno esalta il rapporto con l’esterno attraverso le aperture ampliate, mantiene altezze generose ed è caratterizzata dalle nuove pavimentazioni in seminato; la zona notte è stata progettata per sfruttare razionalmente e al massimo lo spazio, utilizzando l’altezza per creare ambienti su più livelli.

Il passaggio tra questi due macro ambienti della casa è enfatizzato dal volume a doppia altezza della cucina/ lavanderia, un’architettura nell’architettura.

Il mix tra passato e presente è evidente quanto provocatorio: il seminato e le cornici in gesso sembrano essere parte dell’abitazione da sempre ma in realtà il decoro a soffitto è una nuova aggiunta, dichiarata con il suo essere centrata sul tavolo, e il pavimento ha caratteristiche chiaramente contemporanee. La cucina su disegno è un manifesto contemporaneo della progettazione ma per texture e materiali sono stati scelti elementi esistenti, propri del tavolo e delle sedia già proprietà dei clienti.

ARCHITECTURE / INTERIORS

A NEW STORY TO DISCOVER IN TURIN

Un appartamento di 90mq a Torino, in una delle sue aree che piu di tutte sono cambiate negli ultimi anni, quella del Lingotto. L’edificio occupa a Torino una sua posizione strategica, un nodo nevralgico di connessione tra il Lingotto e il Parco, intersecato da un’arteria di collegamento con il centro città. Questi due contesti urbani eterogenei, ben visibili dalle tre finestre e dai due balconi, sono diventati uno spunto progettuale.

Un movimento circolare tra gli spazi pubblici



Stefano Carera e Eirini Giannakopoulou dello studio Sceg hanno curato il progetto di ristrutturazione portando all’interno dell’abitazione due flussi principali: un movimento circolare tra gli spazi pubblici (studio-living e cucina) esposti verso l’esterno e una zona più privata e intima per la zona pranzo, le camere e i servizi.

Le zona pubblica e quella privata sono evidenziate da due materiali differenti, rispettivamente una resina grigia  e le pareti verde scuro della seconda, con accenti decorativi fondamentali per la completezza del progetto.

La scenografia domestica è il risultato di una sequenza di scene mai scontata, fatta di arredi su misura, colori, pezzi vintage anni ’60  e ’70 con un appeal casalingo, caldo e avvolgente.

PROMENADE_SCEG_1
Credits: Serena Eller

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano