INTERIORS / TRAVEL

BEST CONCEPT STORES

Monomarca vs Plurimarca, centro urbano vs centro commerciale, ognuno ha la sua preferenza e la perfetta fusione sembra essere quella del concept store, un titolo spesso usato impropriamente, in alcuni casi sinonimo di luoghi dove il tutto e niente è predominante.

 

Il concept store ben pensato è un luogo basato sulla ricerca e sulla selezione di capi/ oggetti /arredi che insieme danno vita ad un unicum di grande ispirazione.Ci sono alcuni esempi nel modo da seguire e soprattutto visitare, abbiamo fatto una selezione da Berlino a Londra, da Tokyo a Milano, dove il trittico che funziona meglio è il risultato dell’unione tra moda, design e cibo.

The Store, Berlino;

Dover Street Market, New York, Londra, Tokyo, Singapore;

The Broken Arm, Parigi;

Andreas Murkudis, Berlino;

Modern Society, Londra;

10 Corso Como, Milano;

Tanoha Daikanyama, Tokyo.

BEST_CONCEPT_STORE_4

Cosa hanno in comune tutti questi indirizzi? La coerenza nella scelta di ogni prodotto, dall’abito alla sedia tutto risponde ad un determinato stile, ad un’idea, e tutto sembra essere nel posto giusto, perché non basta vendere un vaso e fare un caffè per essere un concept store.

 

ARCHITECTURE

MOYAMOYA, IL PERFETTO STILE GIAPPONESE

Ci troviamo in un sobborgo di Tokyo e quest’architettura racconta dentro e fuori tutto quello che di meglio possiamo immaginare dallo stile (progettuale) giapponese. Un paese fatto di contrasti: altamente denso e ricco di dettagli quanto puro e semplice nell’architettura contemporanea.

MOYAMYA_3

Tutta la struttura è realizzata in legno

Il primo focus che si nota è il rivestimento esterno in acciaio inossidabile, una sorta di pelle sospesa che viene animata dal vento e genia vari giochi sia ottici che materici. L’edificio si colloca in un lotto quadrato in leggera pendenza con una vista incredibile sul Monte Fuji.

All’interno uno spazio progettato su misura con soluzioni decise e pure: un’ampia zona giorno per poter accogliere ospiti ed amici con camera al piano, altre camere in stile giapponese al piano superiore. Bianco, legno ed una scelta materica determinata a raccontare uno stile pulito ma caldo al tempo stesso.

MOYAMYA_10

MOYAMYA_11

architects:Fumihiko Sano/studio PHENOMENON
address:Higashikurume Tokyo
photo:Daisuke Shimokawa /Nacása&Partners Inc

ARCHITECTURE / TRAVEL

5 PROGETTI A TOKYO

Quest’estate il nostro viaggio di ricerca andrà a scoprire Tokyo, partiremo (venerdì) per il Giappone alla ricerca di ispirazioni e nuovi linguaggi per comprendere il continuo divenire di un nuovo modo di concepire il nostro settore e non solo. Il Giappone da sempre è una culla di culture e stili di vita di certo diversi dai nostri, dal cibo al design vi racconteremo day by day un mondo si lontano ma forse anche un po’ vicino.

Rimante collegati su tutti i nostri social tra Instagram e Facebook oltre alle dirette quotidiane su Snapchat nei nostri profili personali: @simonaflacco e @riccardo_crenna.
(Se non avete snapchat è il momento giusto per scaricarlo)

Nel mentre ecco un piccolo assaggio di architetture e progetti, in attesa del nostro Best Of.

Tods_Omotesando_Building_Toyo_Ito

Tods Omotesando
5-1-5 Jingumae, 1 Field Tods Omotesando Bldg, Shibuya, Tokyo
Progetto Toyo Ito, 2004

Dior Omotesando
5-9-11 Jingumae, Shibuya-ku, Tokyo Japan
Progetto SANAA, 2003

PRADA_BOUTIQUE_AOYAMAPrada Aoyama
5-2-6 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo Japan
Progetto Herzog and de Meuron, 2003

renzo_piano_tokyo_hermesHermes Ginza
5-4-19 Ginza Chuo-ku Tokyo Japan
Progetto Renzo Piano. 2001

philippe starck tokyo asahiAsahi Super Dry Hall
1-23-1 Azumabashi, Sumida-ku, Tokyo
Progetto Philippe Starck, 1989

Photo Credit: Prada, Dior, Renzo Piano, Philippe Starck, flickr.com
– 

ARCHITECTURE / EXHIBITIONS / photography

JAPAN, ARCHIPELAGO OF THE HOUSE

Le case giapponesi sono spesso associate all’immagine eterea di edifici bianchi, scanditi da spazi ridotti e molto lineari ma il mercato delle case in Giappone è molto diverso da quello occidentale.

Interamente dedicata alle abitazioni in Giappone è la mostra curata da Vernique Hours, Fabien Mauduit, Manuel Tardits e Jérémie Souteyrat  all’interno del centro espositivo Looiersgracht 60 di Amsterdam con il titolo “Japan, Archipelago of the House”.

Fino al 10 luglio è possibile visitare la mostra ed esplorare il contesto pratico, sociale e culturale delle case giapponesi e rispondere alle domande che da sempre affascinano il resto del mondo: cosa sappiamo davvero di queste abitazioni? Come sono? Chi le abita?

La mostra si divide in tre sezioni:

1- “Yesterday’s houses” con abitazioni celebri realizzate dal 1933 al 1984, firmate da calibri dell’architettura come Tadao Ando e Toyo Ito;

2- “Tokyo houses”: un documentario fotografico curato da Jérémie Souteyrat con una galleria di ritratti di abitazioni;

3- “Today’s houses”:  venti case studio realizzate dal 1993 al 2003 da una serie di Studi di Architettura come Atelier Bow Wow w Mikan.

In totale settanta case per entrare nell’ambiente domestico di un popolo affascinante come quello giapponese, attraverso una mostra ispirata al mimimalismo tipico di questa architettura e con la scelta consapevole di selezionare solo progetti firmati da architetti Made in Japan.

Japan, Archipelago of the House | 23 June – 10 July 2016 | Looiersgracht 60, Amsterdam.japan-archipelago-of-the-house_5

Credits: Jérémie Souteyrat

DESIGN / video

PROTECA 360 BY NENDO

Per celebrare il suo decimo anniversario l’azienda Proteca si è affidata allo studio Nendo non solo per un nuovo prodotto ma anche per il re-branding aziendale e il progetto del nuovo flagship store a Tokyo.

Proteca 360 è la nuova valigia con  scocca in policarbonato apribile con una cerniera su tutto il perimetro esterno, all’interno tasche e spazi separati per sfruttare ogni angolo all’esterno e ruote silenziose per ridurre il rumore.

Oki Sato, la mente a capo dello studio Nendo, è stato scelto dall’azienda per realizzare prodotti con uno stile riconoscibile e più facili da usare sempre riflettendo l’estetica giapponese, declinata nei colori selezionati per la valigia così come per i materiali scelti all’interno del nuovo monomarca Proteca a Tokyo.

Il brand è sicuramente al centro del progetto, con logo nuovo e ben in vista, una coerenza stilistica e funzionale propria solo dei progetti dove lo stesso studio si occupa dell’immagine, del prodotto e dello store assicurando al cliente un’esperienza a 360 gradi.

credits: proteca.jp

PROTECA_NENDO_5

credits: proteca.jp

Page 1 of 2
1 2
© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano