agenda / EXHIBITIONS

AUTUNNO AMERICANO

autunno_americano_1

Sembra che Milano sia diventata una parte d’America, a partire dal cibo in stile USA che ha preso ormai il sopravvento fino ad arrivare all’arte.

E’ in corso infatti una 150 giorni di programmazione a tema ben preciso: l’America appunto. Più di cinquanta eventi per un progetto del Comune realizzato con 24ORE Cultura e Arthemisia Group oltre a vari sponsor come l’immancabile California Bakery.

Pollock, Warhol, Arthur Miller, Steve Jobs, Bob Dylan, Marilyn e molti altri saranno i protagonisti dei numerosi eventi sull’onda del mito americano. “Nell’anno della cultura italiana in America questo è un omaggio per le tradizioni di un popolo amico” dice Filippo Del Corno l’assessore alla cultura del Comune di Milano.

Un programma di notevole spessore che ha una campagna pubblicitaria dedicata con un logo studiato appositamente per questi centocinquanta giorni ed un sito dove trovare tutti gli appuntamenti.

 

_

lifestyle / TIPS

iPad: la rivoluzione di Newton

Su ogni pagina del web si vede lui: l’iPad, il nuovo nato in casa Apple.
Lo conoscete ormai già, spesso meno di 1,5 cm, schermo da poco meno di 10 pollici e un gran potenziale. Insomma il futuro, come sempre made in Cupertino.
Abbiamo avuto l’iBook, l’iPod, l’iQualsiasicosa e ora l’iPad; ma pochi ricordano il Newton. Probabilmente il primo palmare della storia, erano gli anni 90 ed era ancora una volta Apple. Non fu compreso, fu un flop perché non fu capito, era troppo “avanti” ed e’ vero, oggi un palmare Newton e’ più performante di tanti altri cugini moderni e ricorda davvero tanto il nuovo nato iPad.

Steve Jobs e’ ormai definito il guru della tecnologia moderna, ed e’ vero. In un garage della California 40anni fa aveva già visto il futuro come mai nessuno prima di lui. L’aveva addirittura proposto alle alle major del tempo: Hp, Ibm; ma si misero a ridere: “chi vorrebbe mai un computer in casa?”. Già.

Chi vorrà mai un iPad in casa?
Think Different
© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano