DESIGN

FROM CHURCH TO CREDENZA

Credenza è una collezione di mobili esposti da Spazio Pontaccio per la Design Week che strega e intriga, in primis per nasce con l’idea di conciliare lo stile contemporaneo di Patricia Urquiola con l’espressività artistica di Federico Pepe – fondatore di Le Dictateur.

Questi mobili dal forte carattere uniscono un design tecnico, a tratti sinuoso a tratti spigoloso, con l’uso di materiali tradizionali declinati in una nuova forma.

Ispirandosi alle grandiose vetrate della chiesa di Sainte-Chapelle di Parigi, il duo ha voluto inserire nel loro progetto il vetropiombo così da riprendere una delle tecniche di lavorazione più antiche nella cultura italiana ad oggi pressoché abbandonata.

Ma quello che incanta maggiormente è l’accostamento della variazione di blu del corpo della credenza con le linee decise delle vetrate tonde.

Quest’ultime sono in effetti elaborate in funzione del concetto di luce, che da dentro spinge il profilo della credenza oltre i suoi limiti spaziali.

Un oggetto unico, per unire tradizione e innovazione.

credits: spaziopontaccio.it

DESIGN / EXHIBITIONS

NENDO SPAZIO PONTACCIO

Oki Sato, in arte NENDO, è senza dubbio uno dei designer più acclamati dalla scena internazionale, riuscendo in pochi anni ad ottenere riconoscimenti in ogni angolo del globo.

Il team che si riunisce sotto il nome di Nendo, in giapponese significa creta, si ispira alla sua sapienza nel modellare architettura di interni, arredi e grafica proprio come la flessibilità del materiale.

L’anno 2015 è stato un anno prolifico, dalla Tokyo Tribal Collection al Colorful Shadows per il padiglione giapponese passando per il nuovo concept del Camper Store a Stoccolma.

Dopo il grande successo della mostra NENDO WORKS 2014/2015, abbiamo potuto di nuovo ammirare tutta la sua maestria nello splendido scenario di Spazio Pontaccio, una retrospettiva “NENDO GOES SPAZIO PONTACCIO” in cui sono state esposte le creazioni in cristallo per Glas Italia.

Vetri fumè e giochi di luce rendono alla perfezione l’idea di Oki Sato, basati su una semplicità nelle forme che rendono l’oggetto unico e facilmente riconoscibile agli occhi del fruitore.

credits: glasitalia.com

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano