ARCHITECTURE / TRAVEL

MUSEUMS 2015/16

Progettare un museo non è solo un’azione, un esercizio di stile o un risultato da raggiungere nella carriera di un architetto, è uno dei mezzi più efficaci per partecipare alla vita attiva di una città modificandola secondo i propri parametri.

Durante il 2015 ne abbiamo parlato attraverso esempi concreti, dall’ultima fatica di quello che viene definito “the Master of museum design” aka l’italianissimo Renzo Piano con all’attivo 25 progetti realizzati, allo studio Diller Scofidio + Refro che ha firmato il The Broad, il museo recentemente inaugurato a LA dedicato all’arte contemporanea.

Un ideale tour per scoprire questi nuovi gioielli d’architettura parte da New York con il Whitney Museum, passa da Los Angeles con il The Broad e si conclude a San Francisco dove nel maggio 2016 è prevista l’apertura del rinnovato ed ampliato SFMOMA.

WHITNEY MUSEUM, RENZO PIANO, NEW YORK

Comunicare con la città, questo il concept principale del Whitney Museum progettato da Renzo Piano a New York, un edificio che dialoga con il suo intorno, tra l’High Line e l’Hudson River le sue pareti di vetro fanno spaziare lo sguardo tra le strade e gli interni del museo. Una sfida progettuale che l’architetto italiano ha intrapreso come con passione consegnando alla città un’opera che è molto di più di un semplice edifici. Read More..

BROAD MUSEUM, DILLER SCOFIDIO + REFRO, LOS ANGELES

Il Broad Museum a Los Angeles, un progetto edito da Diller Scofidio + Renfro, uno spazio che ha dovuto subito confrontarsi con il vicino ed iconico Walt Disney Concert Hall di F.O. Gehry. Due dettagli progettuali che subito identificano la struttura sono gli angoli sollevati e la facciata a griglia che lavorando con la luce modifica lo spazio al suo interno.

Una scatola che avvolge un interno e trova la sua chiave di lettura nel modo in cui si rapporto con l’intorno gli angoli rialzati chiamano a se la strada e lo stacco compositivo con il Concert Hall regala la forza in più a questo progetto. Read More..

SFMOMA, SNOHETTA, SAN FRANCISCO

Il rinnovato SFMOMA, in collaborazione con lo Studio di Architettura Snøhetta, include ed amplia il museo esistente progettato nel 1995 da Mario Botta. Triplica lo spazio a disposizione delle collezioni e dei visitatori, migliora l’accoglienza e modifica il paesaggio urbano di San Francisco diventandone un nuovo simbolo.

credits: Iwan Baan, Henrik Kam, whitney.org.

art / EXHIBITIONS

WHEAT IS WHEAT IS WHAT: PEDDY MERGUI

Classici prodotti da supermercato come pasta, farina, frutta e yogurt ma al posto dei comuni marchi da lista della spesa l’artista Peddy Mergui ha provato a sostituire brand come Chanel, Apple, Tiffany e Prada.

Il risultato di questa sovrapposizione tra forme, contenuto, packaging e brand è al Museum of Craft and Design di San Francisco  con la mostra “Wheat Is Wheat Is Wheat: Peddy Mergui”.

Le confezioni sono studiate in base all’immagine dell’azienda, producendo un risultato ancora più verosimile con sfumature ironiche e dissacranti, riuscendo ad evidenziare quello che Mergui descrive come una connessione arbitraria tra prodotti e confezione.

La mostra “Wheat Is Wheat Is Wheat” è a tal punto provocatoria da lasciare più domande aperte che risposte certe.

WHEAT IS WHEAT IS WHAT: PEDDY MERGUI | Museum of Craft and Design di San Francisco fino al 15 giugno 2014.

peddy-mergui-2

Caffè Gucci

peddy-mergui-3

Latte Apple

peddy-mergui-4

Salami Louis Vuitton

peddy-mergui-5

Uova Versace

peddy-mergui-6

Farina Prada

peddy-mergui-7Frutta Nike

EXHIBITIONS / lifestyle / photography

GRANDI CITTA’ DALL’ALTO

Barcellona, Amsterdam, Torino, New York e molte altre città ritratte in degli scatti sensazionali, visioni non convenzionali che svelano lati ignoti ai più, dal fascino del tutto particolare. Scatto per scatto.

Griglie perfette, colline e skyline che non si percepiscono dalle strade che percorriamo tutti i giorni. Ma nonostante tutto ognuna delle città proposte, anche dall’alto, mostra la sua anima e i suoi caratteri. Forse ancor di più.

Cities-from-above-simpleflari-2

Prima foto: Amsterdam, sopra New York

Cities-from-above-simpleflari-3

Shanghai

Cities-from-above-simpleflari-4

Città del Messico

Cities-from-above-simpleflari-5

Dubai

Cities-from-above-simpleflari-6

Barcellona

Cities-from-above-simpleflari-7

Cities-from-above-simpleflari-8

Venezia

Cities-from-above-simpleflari-9

Torino

Cities-from-above-simpleflari-10

Maldive

Cities-from-above-simpleflari-11

Mosca

Cities-from-above-simpleflari-12

San Francisco

Cities-from-above-simpleflari-13

Parigi

Cities-from-above-simpleflari-14

Seattle

Cities-from-above-simpleflari-15Chicago

food / lifestyle

MODERN ART DESSERTS

MODERN_ART_DESSERTS_1

Se cucinare è una forma d’arte questa volta  dolci e quadri famosi si combinano per diventare un libro di ricette di grande successo: Modern Art Desserts.

Il Blue Bottle Coffee è all’interno del Museo di Arte Moderna di San Francusco e Caitlin Freeman è lo chef che trasformato le opere d’arte esposte in dolci.

Il dessert più venduto è il roll Mondrian, chiaramente e totalmente ispirato alla Composizione numero III in rosso, giallo e blu, ma da Matisse a Warhol, da Lichtenstein a Damien Hirst, ogni capolavoro d’arte è stato tradotto in un concentrato di dolcezza che coniuga estetita e golosità.Il libro ne raccoglie le ricette e ogni fase per la preparazione di questi capolavori di pasticceria che hanno incontrato il gusto degli amanti dell’arte e della cucina.

MODERN_ART_DESSERTS_2 MODERN_ART_DESSERTS_3 MODERN_ART_DESSERTS_4 MODERN_ART_DESSERTS_5 MODERN_ART_DESSERTS_6

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano