agenda / lifestyle / TRAVEL

#GIOIADARTE | PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI

PROUVE_1

Una collezione privata, quella di Giovanni e Marella Agnelli, e una temporanea su Jean Prouvé per un appuntamento torinese dedicato ai blogger e all’arte.

La Pinacoteca Agnelli propone una collezione permanente e una programmazione di mostre temporanee sulla scia di un’interpretazione del collezionismo che racconta la storia di una passione, di un amore, di una fissazione.

Il progetto di Renzo Piano per la Pinacoteca si sviluppa su cinque piani all’interno del complesso del Lingotto di Torino, con un ultimo piano, “lo scrigno”, dove sono raccolti venticinque capolavori dal Settecento a metà del Novecento: dal Canaletto a Picasso per capire di essere davvero all’interno di uno scrigno.

Una collezione privata resa pubblica per scelta, con la volontà di trasmettere la gioia e la passione per l’arte e, fino all’otto settembre, una mostra temporanea dedicata a Jean Prouvè, architetto e designer.

La Pinacoteca Agnelli presenta così una selezione di mobili e architetture di Jean Prouvé provenienti dalla collezione di Laurence e Patrick Seguin che avevano scoperto le sue opere alla fine degli anni ’80.

In quegli anni pochi sapevano chi fosse Prouvé e, totalmente ammaliati dalle sue opere, Laurence e Patrick Seguin dal 1989 hanno intrapreso un lungo percorso per far conoscere le sue creazioni.

Oggi considerato uno dei maestri del design del XX secolo, circa quaranta opere tra prototipi ed esempi rari di Jean Prouvé sono arrivate alla Pinacoteca Agnelli, non a caso all’interno di un edificio progettato da Renzo Piano, allievo indiretto di Prouvé.

Tra architettura e design, dalla Maison Motropole montata per la prima volta sulla pista del Lingotto e la poltrona immaginata per l’Università di Nancy, la mostra interpreta e lascia rivivere quell’ideale simbiosi tra mobile e immobile che apparteneva a Jean Prouvé.

PROUVE_2 PROUVE_3 PROUVE_4 PROUVE_5 PROUVE_6 PROUVE_7 PROUVE_8

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano