EXHIBITIONS

FATA MORGANA

Come ogni anno, per la bella stagione al Madison Square Park, adiacente al famigerato Flatiron building, viene organizzata una installazione d’arte per il pubblico. Quest’anno è stata scelta Terista Fernàndez, un’artista basata a New York, riconosciuta in tutto il mondo. La sua opera estemporanea è la più grande finora costruita. Si tratta di un pergolato che corre lungo il percorso principale del parco.

Il pergolato è formato da dischi metallici dorati, sovrapposti uno sull’altro . I dischi non sono semplicemente tondi, ma hanno la sagoma di un albero visto dall’alto. L’effetto per il visitatore che passeggia sotto questa struttura, è quello di camminare in una foresta magica. Il materiale essendo riflettente, rispecchia il verde del parco in cui è immerso, la luce rimbalza creando un’ombra che sembra proprio quella delle fronde degli alberi e il cielo viene filtrato attraverso delle aperture dei dischi.

È un’esperienza che cambia completamente la percezione del parco.

Per questo motivo si chiama Fata Morgana, l’opera ricorda l’effetto ottico di un miraggio creato questa volta a doc per il parco.

Questa istallazione non è la prima. Madison Square Park, ha un repertorio di istallazioni molto impressionante. Questi sono altri progetti eseguiti nel passato.

madisonsquarepark.org

lifestyle

MICRO PARCHI DI NEW YORK

Le nuove tendenze politiche delle città più importanti del mondo è senza dubbio quella di creare più spazi verdi pubblici. Nella storia grandi architetti hanno contribuito a queste verdi trasformazioni. Un esempio è il grande successo dell’High Line. A New York, oltre ai grandi parchi che disegnano e delineano le aree più importanti della città come Central Park, Battery Park o Prospect Park, esistono dei micro parchi sparsi per la città.

Proprio perché micro parchi sono più difficili da trovare e sono quindi poco vissuti dai cittadini e dai milioni di turisti.

La maggior parte di questi microspazi pubblici si trova nell’upper east side di Manhattan. E di solito sono spazi interstiziali fra due grandi building. Tra i più famosi vi sono:

Paley Park sulla 53th strada (la stessa del MOMA) tra Madison Ave e 5th Ave. Questo giardino vi stupirà, ogni persona che cammina indaffarato davanti al parco non può che rimanere stupito da questo spazio. Il giardino chiuso su due lati e aperto sul fronte strada è uno scrigno che contiene una collezione di Gladitsia triacanthos (gledischia). Il terzo lato è chiuso da una cascata d’acqua che fa da fondale sia visivo che sonoro. È un posto magico dove potersi riparare dal rumore della città. Progettato magistralmente da Zion and Breene Associates.

microparchi_newyork_2microparchi_newyork_6

Un altro micro parco poco esplorato è Greenacre Park. Si trova sulla 51 esima strada fra la terza e la seconda avenue, anche questo spazio vi sorprenderà. Quest’oasi verde presenta soprattutto una collezione di piante sempre verdi, non solo conifere ma anche, Rhododendri e specie a foglia larga non caduca. Anche qui il fondale è dominato da una spettacolare fontana che fa sobbalzare l’acqua su un gioco di blocchi di diversa altezza. Disegnato da Hideo Sasaki e da Harmon Goldstone.

microparchi_newyork_5 microparchi_newyork_4
microparchi_newyork_3

Altri esempi sono: The Elevated Acre, Williamson Memorial Park, McGraw-Hill Park, IBM Atrium – 590 Madison Ave.

Credits: Rosemary O’Brien, Sharon VanderKaay, Jim henderson, Dafne Dimitriadi, 

 

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano