featured / INTERIORS / TRAVEL

SULLA BOCCA DI TUTTI

Accade che Note Design Studio venga chiamato a progettare il design bar  dell’ultima Stockholm Design Week e che in cucina ci sia Isabella Morrone, il risultato è Sulla Bocca di Tutti.

Al di fuori dei confini italiani Sulla Bocca di Tutti suona qualcosa come On everybody’s lips ma I’m proud to be italian e per una volta lasciamo che siano gli altri a sforzarsi di trovare la giusta pronuncia. Il nome del ristorante racconta il menu, un’interessante combinazione tra la nostra tradizione culinaria e quella svedese.

Un ristorante progettato per rimanere aperto una settimana

Per gli interni il progetto di Note Design Studio parte da un concept forte: si tratta di un ristorante a tutti gli effetti ma, essendo stato aperto solo una settimana in occasione della Stockholm Design Week, è anche un’installazione con una durata molto contenuta.

L’obiettivo dello studio svedese è di realizzare un luogo accogliente, caldo, che sia d’ispirazione e che sia in grado di sfruttare l’occasione di poter progettare un ristorante senza preoccuparsi della sua durata nel tempo.

Johannes Carlström, interior designer e founder di Note Design Studio,  racconta come il processo creativo si sia basato su parole chiave lontane dal concetto di funzionale e smart, privilegiando l’esperienza all’interno del design bar.

Note Design Studio si ispira ai progetti e ai colori di Barragan e Boffil, portandoli all’interno della fiera svolta durante un inverno svedese e traducendo questi riferimenti ricchi di spunti attraverso la propria estetica, nordica e rigorosa.

La palette cromatica abbraccia i toni del rosa dal salmone al pesca, con dettagli in terracotta e burgundy, e la lista di partner coinvolti per realizzare Sulla Bocca di Tutti include alcune eccellenze come Muuto, Mutina e Kvadrat.

Peccato sia rimasto aperto solo per una settimana.

Photo Credit: Note Design Studio

DESIGN

OUR CHRISTMAS GIFT

Dopo avervi segnalato 10 idee di design sotto i 100 euro ecco il nostro regalo di Natale. Quest’anno insieme a Design Republic abbiamo inviato un pacco speciale, ma soprattutto vogliamo consigliarvi un ottimo shop a Milano e online dove poter acquistare i vostri regali.

A special Design xMas

Quello che che più ci ha colpito di Design Republic è stata la coerenza stilistica con quello che ogni giorno vi raccontiamo su Simple Flair, un design fresco, di qualità e soprattutto accessibile per ogni fascia di prezzo.

Dagli accessori di HAY e MUUTO fino a tavoli, sedie e stampe che possono trovare spazio in ogni punto di casa; qui abbiamo fatto i nostri regali di Natale e non possiamo che consigliarvi di farci un giro.

Nel nostro pacco di Natale anche una collaborazione speciale con selapennamidisegna, al secolo Francesca Fusari; illustratrice dallo stile unico con cui è stato un piacere lavorare, basta leggere la sua intervista per scoprire il perché.

sf_dr_xmas_1

ARCHITECTURE / EXHIBITIONS / FASHION / INTERIORS / TRAVEL

TAKE YOUR TIME AT THE KINFOLK GALLERY

Sfogliare le pagine di una rivista e poi entrare in uno spazio fisico, fatto di stanze, arredi e colori, con un progetto ottenuto dalla collaborazione tra il team Kinfolk e lo studio di progettazione Norm Architects è un esempio concreto di bilanciamento perfetto, di congiunzione tra due mondi.

Lo spazio Kinfolk a Copenhagen, dalla galleria agli uffici, è pensato per offrire ad amici e collaboratori un posto dove potersi incontrare, per condividere idee in uno spazio informale ma anche elegante ed accogliente.

Interiors for Slow Living

Lo spazio si articola attraverso tre zone: quella pubblica con la galleria, aperta con le sue ampie vetrate verso le strade della città danese; la seconda è quella operativa, destinata al lavoro in ufficio e collegata alla galleria; la terza è più separata e privata, disconnessa fisicamente e stilisticamente dal resto.

Galleria e ambiente di lavoro sono infatti luoghi spaziosi, collegati su un unico piano, mentre la zona privata ricorda maggiormente la Copenhagen più classica con stanze piccole e calde, cambiano tonalità e materiali segnando in modo netto il passaggio da un ambiente all’altro.

KINFOLK_COPENHAGEN_7

Proprio come ci si aspetta sfogliando Kinfolk, gli interni sono minimali con un attento studio dei dettagli, qui la singola tonalità cromatica è selezionata con cura.

Tattilità e colori tipici delle facciate nel centro di Copenhagen vengono accostate alla visione della cultura unita all’estetica giapponese riassumibile con il termine Wabi-Sabi.

Per addolcire l’immagine dell’ufficio nella sua versione più tradizionale, la reception è progettata per essere simile ad una sala da pranzo e con la sua grande tavolata rappresenta l’ideale incarnato da Kinfolk: “interiors for Slow Living”.

KINFOLK_COPENHAGEN_22

Questo spazio è la congiunzione tra due mondi, quello Kinfolk e quello di Norm Architects, ma anche la combinazione tra il minimalismo nordico e la cultura giapponese, tra modernismo e pezzi di design contemporaneo.

La semplicità con cui sembra essere stato pensato ad un primo impatto il progetto rivela una ricercatezza stilistica che solo da Kinfolk potevamo aspettarci: qui nulla è fatto per stravolgere e colpire, qui la normalità è eleganza, l’atmosfera è più importante delle tendenze.

DESIGN

NOT ONLY IKEA

Non esiste solo l’Ikea. Il colosso svedese è imbattibile se si cerca un prodotto dallo stile nordico e con prezzi così bassi da essere praticamente  fuori mercato, ma per chi non vuole la cassettiera Malm ci sono delle alternative anche a prezzi accessibili mantenendo l’estetica tanto cara ai nordeuropei del design.

Andiamo alla pratica e facciamo degli esempi:

Nomess

Brand danese fondato nel 2007 da Suzanne Potts con una mission efficace: disegnare oggetti per semplificare la vita di tutti i giorni, per estetica e funzione. I prodotti della collezione Nomess Copenhagen sono ognuno parte di un mondo aziendale realizzato intorno ad un team di creativi impegnati nel realizzare non solo oggetti ma uno stile, da cercare negli shop e nei departments store di tutto il mondo.

___

Hay 

Fondata nel 2002, Hay ha mantenuto nel corso degli anni la volontà di presentare ai clienti prodotti durevoli nel tempo e con prezzi contenuti, rispondendo ad esigenze pratiche con scelte funzionali ed estetiche, sulla scia del design danese contemporaneo.

Studio dei metodi di produzione, dei materiali e collaborazioni con designer di fama internazionale, hanno portato il brand ad essere riconoscibile sul mercato con prodotti, come ad esempio i vassoi esagonali dai colori pastello, adattabili a spazi provati, pubblici ed uffici da acquistare nei negozi rivenditori e nei flagship store di tutto il mondo.

___

Muuto

Una risposta odierna alla richiesta di design dalla matrice scandinava, Muuto pone al centro del progetto la persona, seguendo le proprie prospettive per oggetti di uso quotidiano. Prodotti studiati nelle forme e nei colori, dalle lampade ai vasi, diventando portavoce del minimalismo attraverso rivenditori distribuiti in tutto il mondo.

___

Normann Copenhagen

Sul sito web di Normann Copenhagen si legge a chiare lettere “we believe in great design” e ogni prodotto catturaa l’attenzione per semplicità mista a capacità di cogliere nei dettagli le richieste del mercato. L’azienda danese propone un amio numero di prodotti, dagli arredi alle lampade, con un secondo claim ben riconoscibile “make the ordinary extraordinary”.

___

Ferm Living

Azienda danese nata come studio di grafica e trasformata in brand dal motto caloroso, “Danish Design Made with Love“, e un’estetica minimale fortemente contemporanea. I prodotti in catalogo sono tanti e talmente vari da coprire le necessità di ogni ambiente domestico, dalla cucina alla camera da letto, senza farsi mancare un ottimo riscontro da parte dei clienti.

credits: nomess.dk, http://hay.dk, muuto.com, normann-copenhagen.com, fermliving.com.

INTERIORS

START FROM A WALL

relook_parete

Il valore di una parete quando si ha voglia di cambiare il look ad un ambiente può essere alto e le strade da percorrere per cambiarla infinite.

In questo esempio abbiamo fatto delle scelte mirate, per esaltare ogni oggetto scelto con grande cura, e i protagonisti sono due: la libreria muuto e la “seggiola” di Plinio il Giovane.

La libreria, con un’anima contemporanea, si compone aggregando dei moduli rettangolari mentre la sedia rappresenta tutto quello che la ditta produttrice ha fatto diventare un tratto distintivo: semplicità e ottimi materiali.

Il resto rientra nella sfera del decoro, fatta di vasi e candele, e come ogni parete non può mancare una cornice,  in questo caso l’opera ” Back Stones” è dell’artista danese Kristina Krogh.

Semplicità e un numero ridotto di oggetti di grande qualità totalmente in armonia.

 

 

• Art print BLACK STONES – Kristina Krogh;

• Sedia – Plinio il Giovane;

• Modulo Stacked – Muuto;

• Robot in porcellana – Seletti;

• Candeliere String modulabile – Ferm Living;

 

Page 1 of 2
1 2
© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano