DESIGN

TOUCH THAT TASTE

Stimolare un senso per provocare la reazione di un altro, questa è la definizione di sinestesia ed è anche il concetto base da cui è partita la designer Martina Barbara Golik per realizzare la  collezione “Touch the Taste!” composta da cinque elementi tessili per la casa. La collezione traduce il gusto in sensazioni tattili e visive, così da poter toccare il sapore del cibo.

La designer polacca ha suddiviso il cibo in cinque categorie di sapori (dolce, salato, umami, amaro e aspro) per dare forma a cinque oggetti tessili (un tappeto, un pouf, una coperta, un paravento, un paio di pantofole) con la combinazione di tecniche e materiali diverse.

Il risultato finale è stato possibile grazie alla partecipazione di un gruppo di dieci persone e di una serie di esperimenti: ognuno doveva cercare di tradurre il gusto e gli odori del cibo in sensazioni visive e tattili. Grazie aI risultati di queste sperimentazioni la designer ha trovato la chiave di lettura per concretizzaredelle sensazioni in una collezione di prodotti.

Dolce è il pouf di forma cilindrica realizzato in gomma piuma e rivestito con tessuto trapuntato che sprofonda sto il peso di una persona;

umami è il tappeto circolare in feltro, lana e gomma da scoprire e calpestare a piedi nudi;

salato è il divisorio realizzato con cinque strati di lana e poliestere da dividere e unire;

amare sono le pantofole fatte di schiuma e feltro, morbidi ma dal peso notevole (2kg ciascuna);

aspra è la coperta in lana grigia e gomma gialla che prende vita con il movimento e invita ad interagire.

Cibo, sensi e sinestesia per una collezione fatta di una forte materialità, tecniche di lavorazione, sperimentazione e funzionalità per toccare con mano anche l’intangibile, rendere concreto l’astratto.

credits: martynagolik.com

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano