DESIGN / FASHION / TRAVEL

WHAT ARCHITECTS WEAR

Non sono solo stereotipi ed è inutile negare quanto la figura dell’architetto/designer giochi con la propria immagine e spesso faccia del proprio abbigliamento un tratto distintivo.

Ci sono esempi iconici, gli occhiali tondi di Le Corbusier e le scarpe da tennis di Gio Ponti,  e ad oggi ci sono brand che con le loro collezioni catturano e convincono una folta schiera di progettisti.

Accade spesso che non sia solo una questioni di abiti ma dell’immagine del brand, quell’attenzione rivolta ai capi ma anche alla grafica delle campagne pubblicitarie, i loghi, gli interni dei punti vendita, il packaging e anche il font.

Giocano con la propria immagine, diventano ambasciatori di un brand, sono tra il pubblico delle sfilate e non c’è da sorprendersi, lo stile personale trasmette una parte di progetto ancor prima di averlo mostrato.

Marni

Un’estetica riconoscibile, connessioni frequenti con l’arte, una campagna pubblicitaria che non lascia dubbi e un flagship store appena rinnovato a Milano.

Questa natura poliedrica è sicuramente legata a Consuelo Castiglioni, fondatrice e dal 1994 alla guida dal brand, con un’estetica anticonvezionale con modelli lineari, quasi geometrici.

Marni se ci fosse una gara sarebbe sicuramente sul podio dei brand più affini al mondo dell’architettura, fosse anche solo per le collezioni presentate durante la design week.

Acne Studios

Acne ( Ambition to Create Novel Expressions), brand svedese con un’immagine d’avanguardia e minimale molto definita, nasce come realtà multidiscipinare con una rivista biennale (Acne Paper) di successo e un packaging rosa salmone diventato elemento inconfondibile.

Il logo di Acne Studio, rinnovato da circa un anno con il lavoro di Göran Söderström, è non solo una firma ma anche un ottimo lavoro di grafica.

La rivista, il font tipografico, il packaging, il logo e una galleria di progetti perfettamente riusciti per ognuno dei punti vendita, fanno di Acne un porto sicuro per i designer alla ricerca di una collezione da sposare.

Comme des Garçons

E’ una casa di moda giapponese che dagli anni Settanta riesce ad attirare l’attenzione dei media con collezioni monocromatiche e collaborazioni importanti.

Dal 2002 si aggiunge la linea “Play” con un logo fortemente empatico, riconoscibile, disegnato per il brand da Filip Pagowski, il graphic artist di New York con clienti in tutto il mondo da CdG al New York Times.

Le collezioni del brand sono rigorose, sempre fedeli al minimalismo contemporaneo di Rei Kawakubo, la sua fondatrice.

A.P.C.

L’estetica discreta del brand francese A.P.C. (Atelier de Production et de Creation) è un esempio di come un brandig  felice approdi inevitabilmente nel disegno di negozi all’altezza delle collezioni.

I progetti firmati dallo studio parigino Laurent Derogo Architecte hanno in ogni caso un’alta dose di legno, accoglienti nonostante un numero esiguo di elementi con l’accento sempre puntato su capi ed accessori.

Sembrano capi poco riconoscibili, eppure A.P.C sembra aver fatto di questa discrezione un marchio di fabbrica per chi, come molti architetti/designer, vorrebbe non ammettere il fascino di un brand ma in realtà non lascia mai nulla al caso, tra cui gli abiti che indossa.

COS

Marchio del gruppo H&M che sembra avere tutte le carte in regola per essere la mecca del designer in genere poco vicino al mondo delle catene d’abbigliamento.

Lo stile minimale, basico, ricercato ma mai decontestualizzato dei capi con un buon rapporto con il prezzo è il risultato di una ricerca stilistica netta.

La vicinanza al mondo del design viene sottolineata ogni anno dalla partecipazione alla design week di Milano, con progetti sempre tra i più visti ed apprezzati con allestimenti firmati da architetti del calibro di Nendo, e progetti come l’ultima collaborazione con Hay.

credits: marni.com, cosstores.com, apc.fr, comme-des-garcons.com, acnestudios.com.

FASHION / photography

MARNI ADV

Non solo abiti, la campagna per la collezione autunno/inverno 2015-16 scattata dalla fotografa anglo-americana Jackie Nickerson per Marni include un intero mondo di influenze, spunti, riflessioni. Sembra impossibile non notare l’accostamento tra arredi ed abiti e i tessuti della collezione invernale di Marni trovano uno sfondo ideale sui tappeti dai colori brillanti, tra i giochi di luce sui diversi materiali impiegati.

MARNI_2

La campagna racconta di una donna non concentrata sull’esibire gli abiti che indossa ma totalmente immersa nel suo mondo: abbraccia il suo intorno, lo combatte e ne entra a far parte con un bagaglio di colori e tessuti coordinati agli stilemi di Marni e della sua direttrice creativa Consuelo Castiglioni.

Gli abiti sono indossati dalla modella tedesca Marte Mei van Haaster, scelta anche da Louis Vuitton e Carven, e stranamente l’accento del servizio fotografico è proprio su di lei prima che sugli abiti.

La fotografa anglo-americana diventa portavoce della “sensibilità sperimentale e forse provocatoria” della Maison con immagini forti dove ad un set spoglio viene sostituito un contesto strutturato, fatto di arredi, tessuti e finiture.

Sdraiata sul pavimento, all’angolo di una stanza, tra tappeti e carte da parati, legno e pietra la modella è l’attrice protagonista di un film fatto di tanti elementi accordati con armonia all’estetica Marni.

MARNI_3 MARNI_4 MARNI_5 MARNI_6

Credits: Marni.com

agenda / FASHION / lifestyle

MARNI FLOWER MARKET

Quale anniversario che si rispetti non include un tripudio di fioriMarni non è da meno e per i suoi vent’anni occupa la Rotonda della Besana a Milano il 21 settembre, durante la Fashion Week, con un mercato dei fiori.

Al Marni Flower Market saranno in vendita non solo fiori ma vasi, grembiuli e complementi d’arredo presentati durante l’ultimo Fuorisalone.

Tutto con lo stile inconfondibile della griffe, stampe d’archivio e prodotti realizzati a mano in Zambia con continui rimandi al mondo vegetale saranno protagonisti in questo mercato da fashion week.

L’appuntamento è anche con una serie di workshop per bambini in collaborazione con il Museo del Bambino che ha sede proprio all’interno della Rotonda della Besana e parte di tutti i ricavati della vendita dei prodotti in edizione limitata saranno devoluti a sostegno dell’educazione infantile.

MARNI_FLOWER_MAERKET_1

MARNI_FLOWER_MAERKET_2

MARNI_FLOWER_MAERKET_5

DESIGN

FASHION at DESIGN WEEK 2014

Moda e Design a Milano 365 giorni all’anno e in questa settimana più che mai. Durante la Design Week 2014 rispondono all’appello aziende che del design hanno fatto un settore specifico ed altre con limited edition realizzate in esclusiva.

FENDI CASA: La lampada da tavolo Torcello Lamps in vetro di Murano soffiato a bocca, Cocoon Low Sofa (design Toan Nguyen), la cassettiera Asja Chest of Drawers e New York Cabinet.

Quartiere Fiera Milano, Rho, 8-13 aprile 2014.

1_FENDI 2_FENDI

GALLO: L’azienda presenta le calze in limited edition Design Week 2014 che celebrano il nuovo skyline di Milano. Nelle boutique Gallo di Milano, via Manzoni 16, via Durini 26, corso Vercelli 31, corner di Rinascente, Milano Linate e Malpensa Terminal 1 e su theartofgallo.it dal 7 al 13 aprile (22 euro).

4_GALLO

MISSONI: l’azienda è presenta al salone del Mobile (Rho Fiera) l’intera collezione MissoniHome2014 e al Fuorisalone (via Elvezia 22, MIlano) la collezione Flower Power, tra fiori e geometrie;

Pad. 20, Stand A11-B08, Salone del Mobile, Quartiere Fiera Milano, Rho. Fuorisalone, viale Elvezia 22, Milano, 8-13 aprile 2014.

5_MISSONI 6_MISSONI

HERMÈS: saranno presentate le nuove collezioni di tessuti per arredo e le carte da parati, ma anche le collezioni di lampade disegnate da Michele De Lucchi (Pantographe e Harnais) e una lampada nomade modulabile, La Lanterne d’Hermès di Yann Kersalé.

A completare il quadro una linea di rredi su misura, Les Curiosités d’Hermès, e alcune riedizioni di Jean-Michel Frank.

Palazzo Serbelloni, Milano, l’8 aprile dalle 10 alle 16, il 9 e il 10 dalle 10 alle 19:30, l’11 e il 12 dalle 10 alle 20, il 13 dalle 10 alle 18.
7_HERMES

VERSACE HOME: la Palazzo Bag, it-Bag per la Primavera-Estate 2014, diventa anche divano e il Palazzo Sofa è solo il primo pezzo di un’intera famiglia di arredi. Il rivetimento è in Nabuk e richiamo alla “V” di Versace è evidente nel profilo del braccio del divano e diventa elemento stilistico e strutturale.

Salone del Mobile, Quartiere Fiera Milano, Rho, 8-13 aprile 2014.

8_VERSACE

SALVATORE FERRGAMO: viene ribadito il sodalizio con Molteni&C presentando un’installazione a cura di Rodolfo Dordoni realizzata con gli arredi della collezione Gio Ponti. Non solo gli arredi del maestro del ‘900 prodotti da Molteni&C ma anche i disegni originali provenienti dai Gio Ponti Archives e quelli custoditi dal Museo Salvatore Ferragamo.

Boutique donna Salvatore Ferragamo, via Montenapoleone 3, Milano, 8-13 aprile.

9_SALVATORE FERRAGAMO

BOTTEGA VENETA: anche sulle posate in una nuova finitura brunito in argento sterling arriva il classico motivo intrecciato della Maison e i bicchieri in vetro di Murano si arricchiscono di una nuova tonalità dall’effetto fumé;

Bottega Veneta, via privata Ercole Marelli 4/6, Milano, 8-13 aprile 2014.

10_BOTTEGA VENETA

ANTONIO MARRAS: un’installazione di oggetti che animano lo spazio occupandolo verticalmente. Con il progetto Un volo planare viene valorizzato il lavoro artigianale e a dialogare tra di loro sono alcuni pezzi come Chiavarina, le ceramiche Atestine e i Ramaioli Tridentini, a ribadire l’originalità di ogni pezzo dello stilista.

Circolo NonostanteMarras, via Cola di Rienzo 8, Milano, 8-13 aprile 2014 (opening party 10 aprile 18-22).

11_MARRAS

MARNI: l’azienda presenta Animal House con un carico di giraffe, struzzi, conigli, paepre, asini e fenicotteri in metallo e PVC.

Questa fauna dai colori sgargianti si unisce ai prodotti del nuovo progetto charity realizzati in collaborazione con un gruppo di donne colombiane

12_MARNI

ZARA HOME: il colosso del fast fashion celebra la Design Week (come farsi sfuggire questa occasione) con delle vetrine a tema. Formiche dorate, cavallette e farfalle su uno scenario dai colori neutri come lino e crochet.

Le vetrine si riempiono di insetti per dare il benvuto ai visitatori della Deisgn Week e nello store in vendita un’edizione dlimitata di quattro notebook.

Zara Home, piazza San Babila 5, Milano, 8-13 aprile 2014.

13_ZARA

KRIZIA: all’interno dello Spazio Krizia sarà presente durante tutta la Design Week l’installazione luminosa di Ingo Maurer;

Spazio Krizia – via Manin 21 – Milano.

14_KRIZIA

PAUL SMITH: vengono celebrati i 100 anni di Has J. Weger cin una collezione disegntata da Paul Smith insieme a Michael Maharam che gestisce l’omonima società newyorkese di tessuti per l’architettura e l’arredamento.

Paul Smith Milan, Palazzo Gallarati Scotti, via Manzoni 30, Milano.

14_SMITH

LOUIS VUITTON: è ormai chiara la vicinanza tra la Maison, Cassina e lo stile senza tempo di Charlotte Perriald. Per questa Design Week viene proposta una riedizione della chaise-longue Lc4 Cp, disegnata con Le Corbusier, in limited edition da Cassina e la riproduzione del Refuge Tonneau, una casa per alpini futurista in mostra alla fondazione Arnaldo Pomodoro.

15_LV 16_LV

TRUSSARDI HOME COLLECTIONE: debutta durante questa edizione del Salone del Mobile la collezione del marchio del Levriero interamente dedicata alla casa. La collezione include divani, letti, poltrone, lampade, tappeti ed altri arredi tutti realizzati insieme all’architetto Carlo Colombo e in pieno stile Trussardi, un lusso discreto ed elegante.

17_TRUSSARDI

FASHION / lifestyle

UNOXUNO: MILAN FASHION WEEK DAY 5

UNOXUNO_MFW5_1 UNOXUNO_MFW5_2 UNOXUNO_MFW5_3

Uno per uno è una sola scelta per ogni sfilata.

 Follow us on facebooktwitterinstagram.

#mfw #simpleflair #unoxuno

credits:vogue.it, grazia.it, style.it

Page 1 of 2
1 2
© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano