DESIGN

MADAME BLANCHE, CAPPELLO DI LUCE

Ci troviamo spesso a descrivere o raccontare il mondo dell’illuminazione, un settore ed una tipologia di prodotto che più di altre caratterizza i nostri spazi. Certe volte si fa l’errore di sottovalutare l’importanza della luce, sia come oggetto in senso lato sia come fonte essenziale per vivere un’ambiente.

Madame-Blanche-3

Riflessione, movimento e giochi di luce.

La chiave di lettura perfetta prevede un corpo illuminante che coniughi una bellezza estetica ad una funzionalità/prestazione illuminotecnica adatta allo spazio; quando abbiamo visto MADAME BLANCHE (prodotta da Linea Light Group) abbiamo pensato immediatamente a questo principio. Un disegno progettuale che contemporaneamente diventa tratto estetico e condizione funzionale essenziale per illuminare: riflessione, movimento e giochi di luce.

Luce indiretta omogenea orientabile perfetta per ambienti residenziali. Alluminio e forma avvolgente collocano MADAME BLANCHE tra le luci migliori per un living dove l’estetica ha lo stesso peso della tecnica.

Come il cappello di una donna d’altri tempi, elegante ma discreta, bianca e definita trova il suo spazio ovunque.

Madame-Blanche-3

DESIGN

QUAD LAMP, INCASTRI DI LUCE

Il disegno della luce è uno dei tempi più complessi all’interno della progettazione, disegno sia come luce visibile sia come vero e proprio manufatto materico. Spesso le luci hanno un carattere iconico e riconoscibile e questa caratteristica diventa sempre prioritaria rispetto allo spazio dove viene collocata.

Design pulito con un cuore a LED

La lampada QUAD, disegnata dai fratelli Pio e Tito Toso per Linea Light Group racconta un sinergia di forma con un cuore LED; un percorso progettuale che si formula con l’intersezione di due quadrati simmetrici a novanta gradi trovando posizione negli ambienti più diversi.

Un profilo elegante ma non invasivo che rende la QUAD versatile ma al tempo stesso di carattere per poter arredare ed illuminare.

L’abbiamo provata e ciò che più ci ha colpito è la sua natura eterogenea ma altrettanto comunicativa sia da accesa che da spenta; un dettaglio da non trascurare che ogni buona lampada dovrebbe avere.

Quad_linealight_2

Realizzata in alluminio verniciato, può essere usata anche in serie incastrando più pezzi formando geometrie sia materiche che di luce nello spazio. L’armonia luminosa e la coerenza stilistica la fanno diventare un pezzo perfetto per mille situazioni.

 

 

ARCHITECTURE / lifestyle

DOMUS AUGUSTEA + TERME DIOCLEZIANO

Come avete letto la scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di conoscere Linea Light Group e con loro partecipare ad una giornata itinerante per Roma alla scoperta di due progetti simbolo per quanto riguarda qualità e rese del design illuminotecnico.

Le caratteristiche della luce sono potenziate dalla tecnologia led, in particolare nel contesto della valorizzazione dei siti storici. La possibilità di bilanciare il bianco e gestire ogni dettaglio dello spettro luminoso ha permesso di sottolineare ogni pregio e caratteristica di alcuni dei più bei resti romani ancora visitabili.

linealightgroup_domus_1

Il progetto dei lighting designer Carolina De Camillis e Riccardo Fibbi in collaborazione con Linea Light Group ha ridato vita a due simboli come la Domus Augustea e le Terme di Diocleziano. Queste ultime sono il sito romano più grande oggi rimasto; un tempo una stazione termale con una piscina che poteva contenere fino a tremila persone. Qualcosa ancora oggi di difficile immaginazione.

Sia la Domus che le Terme sono state portate al loro splendore con un sapiente progetto illuminotecnico che possiamo considerate come esempio di tecnica e professionalità per quanto riguarda la gestione dei colori, della luce e delle ombre in un contesto come quello dei beni culturali.

In Italia questo tema è cardine, basti pensare al patrimonio che possediamo e di come spesso questo sia mal gestito soprattutto dal puntosi vista dell’illuminazione. Ricordiamo che le potenzialità del led sono infinite in questo settore, non proiettando un flusso di calore sulle superfici illuminate garantisce la massima resa dei tesori storici che vengono illuminati.

Il claim “Chi illumina il passato, illumina il futuro” è di certo corretto e centrato; l’esperienza è stata caratterizzata da una totale immersione in contesti che 2000 anni indietro erano il cuore pulsante della civiltà mondiale e oggi grazie al progetto illuminotecnico realizzato dagli architetti Carolina De Camillis e Riccardo Fibbi in collaborazione con Linea Light Group sono stati riportati al loro meritato splendore.

linealightgroup_domus_7

linealightgroup_domus_6

ARCHITECTURE / lifestyle

LINEA LIGHT GROUP IN ROME

Conoscere da vicino una realtà in forte espansione del settore design con una consapevolezza del nuovo mondo del lavoro non è cosa di tutti i giorni. Linea Light Group, per chi già non la conoscesse, è un’azienda italiana con sede in Veneto che da trent’anni anni lavora nel settore dell’illuminazione, possiamo senza nessun dubbio affermare che sia un’eccellenza del nostro Made in Italy nel mondo.

Di quel Made in Italy vero, non solo di facciata. Ci ha raccontato Andrea Zugno (Executive Coordinator) che ogni prodotto Linea Light Group è interamente realizzato in Italia, dalla sorgente fino alla parte elettronica, quest’ultima spesso al contrario viene acquistata da terze parti estere vanificando la ricerca della qualità.

linealightgroup_2

Probabilmente la qualità è una delle parole chiave insieme alla visione giovane del gruppo; tutto è iniziato una generazione indietro dalla classica impresa pragmatica del nord est italiano per poi passare alla generazione attuale che (invece di distruggere come purtroppo a volte capita) ha implementato e se vogliamo migliorato, tutto l’assetto strategico investendo su giovani manager e giovani designer.

Un particolare che non abbiamo ancora ricordato è la tecnologia led, perché Linea Light Group è da 15 anni pioniera del settore con un know how che oggi difficilmente possiamo trovare altrove.

Mercoledì a Roma abbiamo avuto l’occasione di conoscerli da vicino e partecipare durante la Professional Lighting Design Convention alla celebrazione dei 30 anni dell’azienda con una giornata speciale dove scoprendo passo dopo passo la visione di questo gruppo abbiamo visitato due progetti simbolo del loro lavoro: gli interventi illuminotecnici alla Domus Augustea ed alle Terme di Diocleziano, di cui vi parleremo presto.

La luce è da sempre parte integrante di ogni progetto, spesso in passato non le si dava la giusta importanza, oggi la figura del Lighting designer diventa fondamento per la riuscita di ogni luogo. Metodo, conoscenza tecnica e supporto di aziende che investono in tecnologia come Linea Light Gruop accrescono questo settore regalandoci quella indispensabile e semplice qualità per poter vivere ogni spazio.

linealightgroup_6

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano