DESIGN / lifestyle

10 REGALI DI NATALE TRA IDEE E DESIGN

C’è chi si dichiara indenne, ma alla fine il Natale non lascia nessuno indifferente. La domanda è spesso ricorrente, l’ansia da pacchetto si avvicina e la voglia di un regalo originale, magari non destinato a finire nel dimenticatoio il 6 gennaio, è una costante ogni anno. Abbiamo preparato una lista di 10 idee, ovviamente a tutto design, e ci siamo complicati la vita ponendo un limite di budget (100 euro).

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_8

10 idee a meno di 100 euro

Il risultato è una lista di 10 idee di regalo per appassionati di design sotto i 100 euro. Cosa volete di più?
E In fondo questa è anche un po’ una lista dei desideri.

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_2

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_3

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_4

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_7

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_5

 

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_6

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_8

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_12

CHRISTMAS_GIFT_DESIGN_9

credits: Iittala, Aesop, Adelphi Edizioni, Wallpaper Store, Cinqpoints, Kartell, Alessi.

EXHIBITIONS

SUMMER 2016: BEAUTIFUL EXHIBITIONS ARE EVERYWHERE

Tempo di stare all’aria aperta, di perdersi all’interno di spazi nuovi e magari riuscire a riempire occhi e testa di arte, quella che mescola landscape e oggetto, scale diverse in dialogo constante. Dal deserto del Nevada a Londra  cambiano i materiali, i colori, le forme ma per tutti varebbe la pena programmare una visita prima della fine dell’estate 2016.

Cabin by Rachel Whiteread – New York
Rachel Whiteread ha già vinto il Turner Prize e con questo rifugio con vista dalla metropoli offre un punto di vista proprio del rapporto tra costruito e paesaggio, aperta al pubblico fino al 25 settembre sulle colline di Governors Island.  SUMMER_EXHIBITION_2

À Ciel Ouvert by Felice Varini (Marsiglia)
La Cité Radieuse di Le Corbusier si trasforma sotto il tratto deciso di Felice Varini, con un’illusione ottica che include diverse parti dell’edificio, da vedere e scrutare secondo i diversi punti di vista.SUMMER_EXHIBITION_3

Rockaway by Katharina Grosse (New York)
L’installazione, realizzata in sette giorni con abbondante vernice spray e visitabile fino a fine novembre, è l’ultima opera della tedesca Grosse. Un edificio trasformato in opera, coinvolgente con il bianco per catturare la luce e il rosso per confrontarsi con lo spettatore.SUMMER_EXHIBITION_6

Olafur Eliasson at Chateau de Versailles (Versailles)
L’artista danese-islandese Olafur Eliasson con le sue otto opere a Versailles stravolge la percezione degli spazi e dell’ambiente, cinque all’interno e tre all’esterno tra cui una cascata.SUMMER_EXHIBITION_4

Serpentine pavillion by BIG (Londra)
Un muro inclinato realizzato da piccole componenti, ripetute e ruotate fino a creare quasi un senso di timore per il visitatore. Lo studio Big conosce bene il risultato di queste scelte progettuali, le intraprende per ottenere risultati come questo.SUMMER_EXHIBITION_5

Seven Magic Mountains by Ugo Rondinone (deserto del Nevada)
Sette montagne magiche realizzate sulla sabbia del deserto del Nevada, vicino Las Vegas, con la sovrapposizione di pietre rimarranno in esposizione per due anni. Queste sette sculture dai colori accesi sono un omaggio alla storia della land art e sono il contrappunto nel deserto alle luci di Las Vegas.SUMMER_EXHIBITION_1

Credits: Timothy Schenck, Anders Sune Berg, Iwan Baan, Nevada Museum of Art.

ARCHITECTURE / INTERIORS

E-1027 EILEEN GRAY

Dopo anni di abbandono, nella cornice marittima di Roquebrune-Cap-Martin, riprende vita una villa tanto affascinante quanto enigmatica: la E-1027. Di enigmatico lo è senza dubbio l’autrice del progetto, Eileen Gray, designer, artista e architetto d’avanguardia. Il suo operato artistico caratterizzato da una produzione estremamente moderna e fortemente influenzato da un atteggiamento anti conformista, la rese una vera e propria pioniera della modernità, affascinando lo stesso Le Corbusier che tentò (successivamente a quello di Badovici) un azzardato acquisto della villa E-1027 per attribuirsi la paternità della costruzione.

La E-1027, pubblicata in Architecture Vivante come la “Maison en Bord de Mer”, è il risultato del progetto a quattro mani nato dalla collaborazione di Eileen Gray e Jean Badovici  e cominciato nel 1924 e conclusosi nel 1929.

Il nome scelto è un codice che nasconde le iniziali dei due (E=Eileen, 10 =Jean, 2=Badovici, 7=Gray). L’abitazione ha un sviluppo longitudinale in cui prevale lo spazio di un grande ambiente centrale che occupa circa i 2/3 della superficie al quale si accostano, mediate da una scala circolare, tre ambienti. Si ottiene così una pianta a L che ben si presta all’esposizione solare, tematica in cui la Gray poneva molta attenzione.

E-1027_EILEEN_GRAY_3 E-1027_EILEEN_GRAY_4

Gli arredi sono parte integrante della casa come una macchina perfetta: ruotano, si nascondono, scorrono e si racchiudono in se stessi. Il suo tavolo circolare in vetro E-1027 e la tondeggiante poltrona Bibendum furono ispirati dai coevi esperimenti Bauhaus di Marcel Breuer con le strutture d’acciaio tubolari.

Alla fine della relazione, Eileen cedette a Jean la E-1027 dove vi andò a vivere stabilmente permettendo inoltre a Le Corbusier di apportare delle modifiche alla decorazione interna realizzando alcune pitture murali astratte, una delle quali molto offensive verso Eileen che la ritraeva nuda con Badovici. La Gray lo considerò un atto vandalico oltraggioso e non vi torno mai più.

Di questa villa oggi abbiamo poche fotografie e disegni perlopiù schizzati

Eileen era solita a modificare il propri progetti anche in corso d’opera, trascorrendo molto tempo in cantiere, portandola a produrre materiale grafico incompiuto e mai finito. Oggi, dopo anni nel completo anonimato la riscopriamo in tutta la sua bellezza ripercorrendola lungo i suoi spazi e negli angoli più misteriosi. Ogni oggetto parla di lei, del suo talento e dei suoi conflitti interiori, della passione per la decorazione e i dettagli. Eileen Gray ci lascia una vera modernità senza tempo, un icona.

E-1027_EILEEN_GRAY_6

credits: e1027.org

ARCHITECTURE / EXHIBITIONS / INTERIORS / TRAVEL

APARTMENT N. 50

Un appartamento dinamico e per capire che si tratta di una storia fuori dall’ordinario basta pensare che è il N° 50 della Cité Radieuse progettata a Marsiglia da Le Corbusier. Acquistato e ristrutturato da Jean-Marc Drut e Patrick Blauwart non è solo un pezzo di storia dell’architettura ma, per volontà dei proprietari, ospita ogni anno in estate una mostra diversa.Apartment-N50-2

L’intento è quello di veder mutare l’estetica dell’appartamento mantenendo la sua funzionalità con un intervento contemporaneo realizzato ogni anno da un designer diverso seguendo un processo che si ripete: a settembre i designer iniziano il progetto, a partire dalle esigenze funzionali dei proprietari per attualizzare con pezzi contemporanei l’appartamento disegnato da Le Corbusier, e ad aprile viene realizzato per essere mostrato al pubblico nel mese di luglio con una mostra. La fine di un progetto coincide con l’inizio di quello successivo e a settembre i pezzi inseriti nell’appartamento vengono restituiti al designer che nomina il successore per il progetto dell’anno successivo.

Tra i nomi di fama internazionale coinvolti Jasper Morrison, Ronan ed Erwan Bouroullec, Konstantin Grcic e per questo anno è stato il turno degli studenti del master di ECAL.

Dodici studenti, a settembre 2014, hanno iniziato a lavorare su una collezione di arredi adatta all’appartamento N° 50 ristrutturato dai proprietari cercando di rispettare il più possibile il progetto originario di Le Corbusier.

Durante il semestre è stata progettata una serie di prodotti pronti per essere inseriti nell’appartamento e con l’allestimento degli studenti l’appartamento sarà visitabile dal 4 al 19 luglio.

Una collezione per rispondere alle esigenze dei proprietari, realizzata con colori primari brillanti, dalle lampade alla sedia, dal tavolo pieghevole al set da pic-nic, l’appartamento n°50 è stato invaso da una nuova estetica a partire dal soggiorno fino ad arrivare al terrazzo.

credits: ECAL

DESIGN

CASSINA – MDW 15

Réaction Poétique è la collezione monomaterica disegnata da Jaime Hayon per Cassina in occasione dei 50 anni dalla scomparsa di Le Corbusier. Tutta realizzata in frassino tinto di nero con chiari riferimenti alle forme organiche tipiche delle architetture di Le Corbusier, la collezione viene presentata in uno speciale packaging e include quattro centrotavola, due tavolini, un vassoio.CASSINA_2 CASSINA_3

Cretits: cassina.com

Page 1 of 2
1 2
© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano