DESIGN / featured / interviews / lifestyle

5 OGGETTI DI GIULIO IACCHETTI

Una nuova rubrica, a metà tra quello che pubblichiamo di solito e quello che vogliamo fare attraverso simple flair: condividere. E non si tratta solo di social, qui condividiamo punti di vista, esperienze, cose e persone.

Abbiamo scelto di raccontare le persone attraverso gli oggetti, nello specifico 5 per ogni protagonista del mondo del progetto che si racconta con questa selezione (di qualsiasi genere, da un arredo a un libro, perché il nostro manifesto è “All is Design”).

5 oggetti di Giulio Iacchetti

Ecco i 5 oggetti di Giulio Iacchetti:

sedia box di Enzo Mari: una sedia in una shopper bag, radicale snob povera bella;

tazzina caffè illy: proporzioni perfette per un oggetto che ogni mattina ci ricorda quanto buono è un caffè servito in un contenitore minuscolo ma maiuscolo;

veralaica anello di Mangiarotti: il design al dito (al mio dito e al dito di mia moglie!);

trattopen: oggetto per scrivere perfetto minimo compagno del mio taschino da sempre;

cubica pentola di Aldo Rossi: ho anche provato a cucinare con lei, quando l’assurdo è bello e apre spiragli immensi al pensiero libero…se no che pensiero è??!

Photo Credit: Fabrizia Parisi

DESIGN

CHRISTMAS GIFT GUIDE

Non il solito regalo di Natale: una selezione fatta scovando tra tra le nostre ultime proposte, non solo per design addicted ma sicuramente per chi apprezza estetica e funzionalità.

Neri

Giulio Iacchetti ha designato una famiglia di penne e matite per Internoitaliano,  non ci sono i classici sistemi di apertura chiusura, la posizione della mina viene gestita ruotando la vite in ottone, con lo stesso gesto che accompagnava la regolazione del compasso per i disegni tecnici. Read more..

Lego Architecture Studio

Dopo alcuni dei Monumenti più famosi al mondo, Lego lascia carta bianca ai creativi permettendo con dei puri mattoncini bianchi di realizzare qualsiasi opera, con il motto “Create your own Architecture”. Un nuovo modo per fare modellini, per trasformare uno schizzo in realtà o almeno in qualcosa di molto simile. Lego Architecture Studio non include solo 1210 mattoncini bianchi e trasparenti ma anche un libro di 272 pagine per trarre ispirazione dai suggerimenti di alcuni degli Architetti più conosciuti e realizzare, pezzo dopo pezzo, il proprio capolavoro.

The Kinfolk Home

La rivista Kinfolk è diventata il manifesto di uno stile di vita con un approccio “slow living” e la novità è che adesso in libreria è possibile acquistare il secondo libro. Dopo la guida per piccola incontri, arriva il libreria il volume dedicato alle case, inutile dire che sono sparse in ogni continente e sono Belle come la rivista si conferma ogni mese. Read More..

Folly Soap

Folly è decoro ma anche architettura, è utile ma estetica, è frivolo ma necessario. Vi sveliamo il segreto: si tratta di una collezione di saponette disegnata e prodotta dallo studio Pelle di Brooklyn. Read More..

Not Only Ikea

Se l’idea è di scegliere oggetti di uso quotidiano senza ricorrere all’Ikea ci sono tante alternative, da Muuto a Ferm Living ne abbiamo selezionate alcune affini al colosso svedese per estetica e gusto nordico. Read More..

Proteca 360

Lo studio Nendo ha disegnato per il brand Proteca una valigia minimale e funzionale, si apre comodamente con la cerniera su tutto il perimetro, ha una rigida scocca in poliuretano e le sue ruote non fanno rumore. Read more..

Analog Watch

Un’azienda con base a Philadelphia specializzata in orologi, vicini all’artigianalità e alla natura, semplici ed equilibrati nell’estetica e nelle forme. La loro voglia di reinterpretare materiali di solito non utilizzati per gli orologi si trova espressa nella pratica nei modelli in legno e marmo, risultato di prove e prototipi, studio e lunghe ricerche.


Totte Plates

Lo studio Nendo ha disegnato una collezione di ceramiche e oggettistica per la tavola dalle dimensioni ridotte per i piccoli spazi e da trasportare comodamente anche quando contengono cibi caldi. Disponibili in bianco, marrone, rosa, verde e blu in tre dimensioni da impilare facilmente.


DESIGN

NERI

Dove finisce la mano inizia la matita del designer o la penna della scrittore, ma senza andare troppo oltre parliamo di un’azione generica come disegnare o scrivere che sia un manoscritto o uno schizzo fatto d’impulso poco importa.

Giulio Iacchetti ha designato una famiglia di penne e matite, introducendo così il brand Internoitaliano – sistema di produzione d’arredo dello stesso Iacchetti-  nel mondo della cancelleria e degli oggetti da scrivania.

Neri, è questo il nome della famiglia di oggetti per design-addicted, con il suo minimalismo assoluto e il touch vellutato ha un dettaglio di quelli che fanno innamorare:

non ci sono i classici sistemi di apertura chiusura, niente tappi e meccanismi meccanici, la posizione della mina viene gestita ruotando la vite in ottone, con lo stesso gesto che accompagnava la regolazione del compasso per i disegni tecnici.

Un oggetto con una narrativa, in grado di raccontare una storia, fatta di materiali in contrasto, sensazione tattile, semplicità e raffinatezza per quello che nella quotidianità è un gesto immediato come la scrittura, attraverso un mezzo diventato prolungamento naturale della mano.Neri_Iacchetti_2

credits: internoitaliano.com

DESIGN

ADEMAR, GIULIO IACCHETTI

Il tavolo è da sempre il centro della casa, sopratutto quella italiana, quella fatta di tradizione e convivialità. Questo è quello che ci racconta Giulio Iacchetti all’interno del suo studio mentre ci presenta ADEMAR, una collezione nata dalla sinergia tra il designer cremonese e l’azienda Bross, una realtà italiana fondata nel 1981 che da sempre fa della sartorialità progettuale il suo punto di forza.

Forma ellissoidale o circolare per poter permettere di sedersi comodamente in otto ed una cura del dettaglio tra piano e gambe che non lascia spazio all’interpretazione; sopra o sotto il tavolo si presenta finito e armonioso.

Ogni finitura è nata dall’unione tra idea e caratteristiche del materiale, il risultato è evidente. Varie le dimensioni e le altezze soprattutto nei coffe table (sovrapponibili e complementari come vuole l’esigenza odierna), c’è addirittura una versione con piano in marmo di carrara.

Scoprire la storia dietro ad un progetto come questo direttamente dalle parole del suo progettista regala un qualcosa in più, Giulio Iacchetti ci ha immerso nel prodotto proprio all’interno del suo studio sottolineando quel concetto a noi caro che tutto è progetto. All is design.

giulio_iacchetti_ademar_4 giulio_iacchetti_ademar_7

DESIGN

RADICA CHIC

Un oggetto da sempre affascinante per il mondo del progetto (la pipa), un fumatore occasionale (Giulio Iacchetti)  che decide di cimentarsi in una sua reinterpretazione e il risultato è Radica Chic. Si tratta di una pipa self standing, prodotta da Savinelli, una delle aziende storiche del distretto produttivo nel Varesotto, con caratteristiche del tutto proprie: ricavata da un unico blocco di radica, la pipa progettata da Iacchetti può essere appoggiata sulla scrivania mentre si lavora, senza rischiare cadute di tabacco o cenere.

In passato Joe Colombo, Porche Design e Roberto Sambonet si erano cimentati nella progettazione di un oggetto che con sé porta un carico di significati gestuali e culturali, oggi declinato secondo le abitudini di chi al piacere della pipa si trova ad associare il lavoro al computer, il disegno.

credits: giulioiacchetti.com

Page 1 of 2
1 2
© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano