DESIGN / EXHIBITIONS / FASHION / photography

COS 2015 CAMPAIGN

Ci sarebbe molto da dire su una campagna che unisce Scandinavia e Giappone, in un’estetica comune fatta di scelte lineari puntuali, esatte. Il brand di abbigliamento svedese COS ha scattato l’ultima campagna in Giappone, a Tokyo, sotto la direzione del fotografo Yokahom in un mix tra città e moda, materiali e colori.

COS-2015-Campaign-02

Elegante, sobrio, con carattere questa partnership sembra essere così naturale da sembrare ovvia. Capi e accessori in una sorta di mimetismo urbano, catturano angoli di città in un mix autentico tra design, moda e architettura.

COS-2015-Campaign-03COS-2015-Campaign-04 COS-2015-Campaign-05

COS-2015-Campaign-06 COS-2015-Campaign-07credits: COS

ARCHITECTURE / INTERIORS / TRAVEL

HOTO FUDO

Diventato presto un punto di riferimento per gustare la cucina locale e inserito nell’ultimo libro “Restaurant & bar Design” edito da Taschen, il ristorante Hoto Fudo ai piedi della montagna più alta del Giappone unisce ad un’esperienza culinaria unica ad un involucro architettonico di rilievo.

Il progetto dal design futuristico è di Takeshi Hosaka Architects, affiancato per la struttura da Arup, hanno collaborato nella realizzazione di un progetto a basso impatto ambientale.

hoto_fudo_2Quattro emisferi continui simboleggiano le nuvole che circondano la vetta e la struttura dell’edificio permette all’aria e alla luce di filtrare all’interno dello spazio attraverso grandi aperture, tranne durante i mesi più freddi quando vengono chiuse con pannelli curvi in acrilico.

Un edificio studiato per non avere bisogno di condizionatori, qui il ricambio e l’inerzia sono garantiti dalle scelte strutturali fatte per sfruttare il clima locale e in perfetta armonia con le norme antisismiche del Giappone. L’impatto ambientale è minimo, la luce naturale, i fenomeni atmosferici sono parte integrante del progetto.

hoto_fudo_3 hoto_fudo_8 hoto_fudo_7 hoto_fudo_5 hoto_fudo_4

hoto_fudo_9

credits:  Koji Fujii/Nacasa & Partners

ARCHITECTURE

ARK NOVA

Ark Nova_1

Progettato per portare concerti ed eventi nelle zone del Giappone danneggiate dallo Tsunami del 2011, Ark Nova è il primo teatro gonfiabile del mondo.

Il nome fa eco all’Arca di Noé e il progetto di questa sala da concerti gonfiabile è il risultato di un lavoro a quattro mani, dell’architetto Arata Isozaki e dello scultore Anish Kapoor.

Ark Nova è trasportabile, completo di palco, impianto sonoro, posti a sedere per una platea da 500-700 posti e realizzato in un materiale elastico ideale per un montaggio veloce.

La struttura mobile, alta 18 metri e larga 35, è stata inaugurata a settembre in occasione della prima del Lucerna Festival a Matsushima, aprendo la sua stagione di concerti e workshop di livello mondiale, con un messaggio di speranza e leggerezza dopo la calamità naturale.

Un messaggio positivo veicolato attraverso l’architettura che si pone delle domande per risolvere nuove problematiche e superare dei limiti.

Come i castelli gonfiabili dove ogni bambino decide di costruire il proprio regno, così in Ark Nova c’è la poesia che solo la musica carica di valore riesce a trasportare.

Ark Nova_2 Ark Nova_3 Ark Nova_4 Ark Nova_5 Ark Nova_6 Ark Nova_7 Ark Nova_8

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano