DESIGN

3 UNCONVENTIONAL CHANDELIERS

Il lampadario a sospensione è un classico dell’arredamento, ma oggi più di un designer ne ha voluto stravolgere i canoni tradizionali per adattarlo anche agli interni più contemporanei. La loro rielaborazione ha portato perciò a creare illuminazioni più simili a installazioni artistiche, che hanno il pregio di incantare lo sguardo e riempire l’ambiente con forme morbide e a tratti intime.taraxacum-88-pendant-lamp-castiglioni-flos-1

1 • La Taraxacum 88 S2 è, a modo suo, un classico anch’essa. La struttura, composta da 20 triangoli di lucido alluminio, è incoronata da più di 100 lampadine che diffondono una luce diretta e riflessa. Il risultato sorprende, soprattutto per la sensazione di leggerezza che trasmette e la sua versatilità rispetto ad ambienti diversi.

Stochastic_lamp_2

2 • Stochastic, la lampada ideata da Daniel Rybakken, stupisce invece soprattutto per la disposizione a grappolo delle sfere che la costituiscono – asimmetrica sì ma meno rigorosa in verticale. Inoltre, la luce proveniente dall’interno costituisce una novità che soddisfa il senso estetico anche dei più scettici.

Cloud_3

3 •  Il lampadario Cloud, come suggerisce il nome, ha il pregio di mantenere i caratteri principali del tradizionale chandelier alleggerendone al contempo la struttura. La disposizione degli globi di vetro smerigliato mantiene quindi una struttura classica, ma la luce viene da questi diffusa e non prodotta. Il risultato è elegante, scenico e sorprendentemente intimo.

credits: flos.com, danielrybakken.com., apparatustudio.com.

DESIGN

IC LIGHTS

Un’intera collezione di lampade da tavolo, parete, sospensione e plafoniere si basano sul concetto di equilibrio e per il designer Michael Anastassiades l’ispirazione è arrivata dopo aver visto lo spettacolo di un Contact Juggler. Il principio alla base della collezione IC Lights di Flos è quello di cristallizzare un attimo, quello i cui la sfera è perfettamente in equilibrio sulla punta di un’asta, e trasformarlo in una collezione sofisticata dalle forme pure associate armonicamente per dimensioni e materiali.

FLOS_IC_LIGHTS_2

DESIGN

STRING LIGHTS

Arredare con la luce non è una novità ma arredare anche con il filo che porta la luce lo è. O meglio, è qualcosa di diverso e interessante che modifica lo spazio e lascia libero sfogo alla creatività. Pochi gesti e strumenti per dare un carattere diverso ad una stanza illuminandola e disegnando i vuoti.

String Lights, firmato Flos e realizzato dal designer Michael Anastassiades, trasforma l’ambiente non solo tramite un attento light design, sferico o a cono, ma soprattutto con la possibilità di disegnare letteralmente nell’aria delle linee e delle forme.

Un classico esempio di come poter massimizzare un difetto facendolo diventare un pregio: portare fisicamente la corrente elettrica in un punto, in assenza di un predisposto accesso, è sempre stato ostico; in questo caso si ostenta al massimo questo “filo”, non si copre con canaline stile ufficio, si esalta ponendolo in primo piano. Geniale.

Trova posto in ambienti di ogni tipo, moderni o retrò senza alterare nulla ma donando un tocco deciso ma riservato, come solo un progetto ben pensato può dare. La qualità del design paga sempre.

string_lights_2 string_lights_3 string_lights_4 Layout portfolio.indd

DESIGN

OK DOPO UNA PARENTESI

Konstantin-Grcic-ok-flos-1Konstantin Grcic realizza OK per Flos, un omaggio senza mezzi termini all’opera intramontabile di Achille Castiglioni e Pio Manzù: Parentesi.

Cielo-terra, pavimento-soffitto rimangono uniti e comuni denominatori tra l’idea del maestro italiano e la rivisitazione di Grcic; quattro colori e una nuova tecnologia a led in un progetto nuovo e difficile. Il confronto con parentesi è inevitabile e duro, l’idea di Castiglioni e Manzù rimane insuperabile ma tra i vari tentativi di omaggio verso Parentesi questo, fatto dal designer tedesco, rimane probabilmente il più delicato e meno invasivo.

Un disegno attuale per un classico senza tempo.

Konstantin-Grcic-ok-flos-2 Konstantin-Grcic-ok-flos-3

DESIGN

DESIGN MADE IN ITALY: BEST SELLER A NY

Il sinonimo è ormai garantito: made in Italy significa qualità ed eccellenza. In tutti i settori e soprattutto nel design.

Esportiamo il meglio da sempre e nonostante tutto ancora oggi il primato resiste; a New York due icone del lavoro italiano sono i best seller dell’illuminazione: AIM di Flos e Caboche di Foscarini. Questi due sistemi d’illuminazione sono i più venduti nella grande mela, un motivo ci sarà.

AIM, lampada da soffitto con corpo in alluminio disegnata da R. & E. Bouroullec, e Caboche, sfere in polimetilmetacrilato a sospensione di P. Urquiola ed E. Gerotto, spopolano nella metropoli statunitense con piena soddisfazione di Flos e Foscarini ma con un certo orgoglio anche per tutti noi.

best-seller-ny-caboche-2 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano