ARCHITECTURE / INTERIORS

VILLA ENSEMBLE

Andreas Fuhrimann e Gabrielle Hächler dello studio AFGH architects danno vita a una coppia di massi poligonali, che si completano a vicenda, formando il complesso Villa Ensemble.

“Ensemble” come concetto di fusione tra i due edifici ma anche come inserimento perfetto tra il contesto circostante. Il particolare disegno multisfaccettato si rivolge ai molteplici panorami del lago di Zurigo e della montagna. Le case non presentano quindi una parte anteriore e una posteriore ma ogni facciata presenta la propria importanza a seconda dell’elemento a cui si rivolge; così come per la copertura, concepita come “quinta facciata” rivolta verso il cielo.villa_ensemble_2

L’edificio è in continuo contrasto: la ruvidità quasi drammatica delle superfici esterne con la  purezza della natura, gli interni di lusso in marmo e intonaco bianco con elementi di arredo in cemento a vista.

L’interno di ogni casa è composto dalla zona notte al primo piano e il resto degli spazi abitativi, a piano terra, sono disposti irregolarmente come una cava alpina stilizzata.

Al piano interrato, destinata ad essere condivisa dai residenti delle due case, l’area termale e la grande piscina di 15 metri in marmo.

credits: Valentin Jeck, afgh.ch

ARCHITECTURE / INTERIORS

ANTWERP PENTHOUSE

Un attico al settimo piano di un edificio anni Sessanta nel centro di Anversa da utilizzare come abitazione ma anche come ufficio viene progettato dallo studio De Meester Vliegen Architecten con spazi funzionali per la realizzazione di un ambiente dalla duplice natura.

Il progetto ruota attorno ad un volume centrale realizzato in legno per racchiudere spazi funzionali come la cucina e il ripostiglio, ma anche per essere il divisorio ideale in grado di creare punti con maggiore privacy e indirizzare i flussi di movimento.

Oltre al volume in legno lo spazio è fortemente caratterizzato da un parallelepipedo di sette metri in marmo verde, un monolite di due tonnellate ancorato al soffitto che scherma l’ingresso al blocco funzionale e ospita un camino in acciaio e una serie di armadi.

Questo volume in marmo con la ricchezza delle sue venature e la sua ricercatezza cromatica è il bilanciamento essenziale da contrapporre al minimalismo di questo ambiente

oggi ufficio del proprietario ma potenzialmente anche appartamento in città.

Una delle estremità dell’appartamento è destinata alla zona giorno, divisa in due parti è predisposta per la sala da pranzo, riunioni o camera da letto mentre il bagno riprende i toni del del verde del marmo attraverso le tessere del mosaico Bisazza e il minimalismo dell’involucro con con l’arredo in Corian bianco.

Il bianco torna nell’appartamento con le scaffalature in MDF per offrire ulteriore spazio di stoccaggio e convive con elementi d’arredo storico come le sedute di Rietveld prodotte da casina e  per ufficio degli Eames, affiancate al divano Andy di B&B Italia.

A chiudere il cerchio le ampie aperture finestrate lungo il perimetro della penthouse, con la vista sul centro della città e sugli edifici storici di Anversa.

Sembra confermarsi la percezione degli spazi studiati su un numero di elementi limitato, materiali naturali di pregio e un’idea stilistica chiara alla base di tutto il progetto, in questo cassano fondata sul dialogo tra due volumi imponenti in legno e marmo.

vandenweghe.be

ARCHITECTURE

FIREPLACE

 

fireplace

Camini vecchio stile o moderni, in ogni caso accesi per scaldare l’ambiente.

 

Parte della vita domestica e da sempre fulcro della progettazione, con un interprete di eccezionale importanza nel Maestro Frank Lloyd Wright, il camino nelle moderne interpretazioni viene collocato sempre più spesso al centro degli ambienti con soluzioni stilisticamente lontane dal passato.

 

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano