INTERIORS / TRAVEL

ACNE STUDIOS, LOS ANGELES

Quasi 500 m2: Aprono gli Acne STUDIOS a Los Angeles. Fondato nel 1996 a Stoccolma da Jonny Johansson, il brand in 7 anni è riuscito ad avere un fatturato da ben 120 milioni di dollari con più di 40 negozi intorno al mondo; con sfilate a Parigi,collezione maschile e femminile e grandi collaborazioni con fotografi del calibro di Lord Snowden e William Wegman.

Un gigantesco fungo, dell’artista Belga Carsten Holler, è così’ che si presenta l’entrata del nuovo store, insolitamente invitante. Johansson iniziò con 100 paia di jeans con delle cuciture rosse.

“Da dove inizi a creare un marchio moderno, specialmente quando non hai un educazione da stilista? Il denim è il più importante capo del mondo moderno” diceva.”E’ una tela perfetta, funzionale, pura, generica, che è sempre attuale”.

Acne studios vendono adesso ogni tipo di capo d’abbigliamento: dalle scarpe alle giacche di pelle, tutto con un accento sulla funzionalità  tipica della cultura scandinava e quella giocosità che li porta  sempre un po’ fuori dal centro.

acnee_studio_1

In Svezia non abbiamo un’eredità per quanto riguarda la moda” dice Johansson “ Siamo la nazione di H&M ed Ikea. Ha a che fare con la democrazia. Quindi è necessario creare allegria”. Influenzato dalla cultura Americana (James Dean, Marilyn Monroe, Elvis Presley) Johansson vive a Stoccolma dove il regista Ingmar Bergman visse nel 1960. E la prima cosa che ha fatto una volta atterrato a Los Angeles è stata andare a Venice Beach e prendere la tavola da surf. Non si vanta di conoscere così tanto la moda, è questo  crea anche un certo charm nei suoi confronti.

“Anche se non  sono fantastico. Ho una certa pazienza con me stesso. Ci stiamo evolvendo, ecco anche perché piacciamo così tanto alle persone, perché siamo in constante progresso, mai fissi su un unico menù.”

Fin dall’apertura del primo negozio Acne nella piazza di Norrmalmstorg, dove nel 1973 avvenne il famoso sequestro di persone alla Sveriges Kredit Bank e che diede vita alla sindrome di Stoccolma. L’approccio nel trovare negozi ha continuato ad essere lo stesso, posti insoliti ed unici nel loro genere. Come l’edificio al 855 di Broadway, l’antico distretto teatrale, dove Johansson sapeva che avrebbe aperto da quelle parti l’ACE Hotel.” Puoi essere strategico quanto tu voglia, ma dopo diventeresti freddo e calcolatore. Noi cerchiamo di rimanere dalla giusta parte. Qui a Los Angeles lo stesso edificio è uno status. Lasciamo perdere gli interni.”

La facciata turchese dell’edificio, disegnata da Claud Beelman nel 1930 è essa stessa un simbolo. All’interno del negozio, gli ambienti sono stati mantenuti grezzi, con infissi di alluminio perforato ed una pavimentazione di marmo con pasta rosa, in perfetto stile con i mobili disegnati per lo spazio. All’interno è presente anche una caffetteria dove gli acquirenti possono socializzare e fermarsi durate una pausa dallo shopping.

Abbiamo anche creato una rivista, perché pensavamo che questo si confacesse perfettamente al nostro mondo senza parlare del nostro brand”.

“Stiamo anche sviluppando una red-carpet VIP room; ma non abbiamo fretta, non abbiamo neanche una IT bag o un profumo. Questo perché non possiamo ancora farlo. Penso che ci sia molta frenesia nel mondo della moda”; conclude il designer, e magari dovremmo dargli ragione.

Chi va piano va sano e lontano, questo non toglie naturalmente la voglia di andare a vedere un negozio del genere in pieno centro di Los Angeles.

acnee_studio_3 acnee_studio_4

acnee_studio_2

Acne Studios Eastern Columbia Building | 855 S Broadway Los Angeles 90014, USA

credits: acneestudios.com

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano