FASHION / lifestyle

CONVERSATION PIECE

Quando il mondo della moda esce dai cliché, in cui si è purtroppo impantanato, fatti di mondanità e spettacolarità forzata, cercando invece di dialogare con con l’arte, si assiste sempre a qualcosa di affascinante e incredibilmente interessante. E’ questo il caso della presentazione della collezione A/I dello stilista austriaco Arthur Arbesser, avvenuta a Milano in occasione dell’ultima settimana della moda meneghina.

In collaborazione con l’architetto milanese Cipelletti, Arbesser ha esposto la sua collezione all’interno di un appartamento degli anni ’20, progettato dallo studio AR.CH.IT. Trasformando così la presentazione in una vera e propria esposizione artistica.

arbesser_1

arbesser_2

“Conversation piece” è il titolo dell’esposizione, che si prefiggeva appunto l’obbiettivo di creare un dialogo tra i capi ideati da Arbesser e i luoghi in cui erano esposti, creando così una sorta di continuum tra gli abiti, le stanze e gli oggetti presenti nell’appartamento. Le linee pulite e le forme geometriche degli abiti ben si integravano all’interno dell’abitazione fondendosi con essa e con i pezzi di design che arredano l’appartamento, come le sedute di Gio Ponti e con le opere d’arte come il Wall Drawning Trapezium realizzato da David Tremlet.

Un bellissimo esempio di come moda arte e architettura possano interagire e arricchirsi vicendevolmente.

arbesser_3 arbesser_4 arbesser_6 arbesser_7 arbesser_8 arbesser_9 arbesser_10

_

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano