ARCHITECTURE / INTERIORS

Take note: architecture studio inside old chapel

Non sono i primi ad aver scelto una location di questo tipo per il proprio studio di architettura, ma Klaarchitectuur, con il suo ufficio all’interno di una chiesa del XVII secolo, ha davvero fatto centro.

E’ il racconto di una storia che non ha bisogno di essere spiegata, perché la scelta di una location d’eccezione come questa è per uno studio di architettura un goal assicurato. Siamo in Belgio, a Limburg, e varcare la soglia di un luogo di questo tipo non è significa solo entrare in contatto con la quotidianità di uno studio, con modellini e fogli pieni di schizzi, ma è un’esperienza. Non è difficile immaginare che chiunque, clienti compresi, rimanga a bocca aperta varcata la soglia dello studio Klaarchitectuur.

Un mix vincente tra storia e architettura contemporanea

Lo studio Klaarchitectuur ha scelto di lasciare il più inalterato possibile l’involucro della chiesa, con le pareti e le sue finiture originali, mentre gli spazi aggiunti, necessari al funzionamento dell’ufficio, sono atterrati come un’astronave su un terreno da preservare.

Queste aggiunte sono volutamente in contrasto con l’esistente: i volumi costruiti al centro della chiesa con le forme nette e le superfici candide, le geometrie contemporanee e i colori pieni, permettono a chiunque di distinguere quello che c’era da quello che è stato aggiunto.

Attualmente conosciuto come Waterdog questo spazio ospita anche eventi ed è la somma di tanti elementi, tutti con caratteristiche proprie difficili da non notare.

Photo Credit: Valerie Clarysse, Toon Grobet.

DESIGN / interviews

5 OGGETTI DI ELENA SALMISTRARO

Vi raccontiamo Elena Salmistraro, attraverso la sua selezione di cinque oggetti, senza limiti di genere, funzione e forma, perché su simple flair all is design.

Quello di Elena è un talento difficile da non notare e a farlo sono state alcune delle aziende di design più conosciute, come Alessi e Seletti, e il Salone del Mobile di Milano che nel 2017 le ha assegnato il premio “Best Emerging Designer Awards”.

Le forme e i colori raccontavano il mondo del design attraverso il punto di vista di Elena Salmistraro e si ritrovano in progetti sempre diversi ma con la sua firma fortemente riconoscibile, tra i più recenti il tappeto Cartesio per cc-tapis.

Quanto possono raccontare 5 oggetti di una persona? Tanto e la selezione di Elena sembra esserne una conferma.

5 oggetti di Elena Salmistraro

La Graziella: non credo abbia bisogno di presentazioni, credo faccia un po’ parte della vita di tutti noi.. per me è passato, presente e futuro, una vera compagna.

Airpods: perfetto rapporto tra contenitore e contenuto, inoltre da quando me li hanno regalati non riesco più a farne a meno.

Cartella colori Pantone: che mondo sarebbe senza i colori.

Cavatappi Sandro M.: è bellissimo, divertente ed utile, peccato che io non possa usarlo perché sono astemia.

Appendiabiti Hang it All: è il primo oggetto che vedo quando rientro in casa, mi accoglie e mi rende felice.

Photo Credit: Elena Salmistraro. Graphic Design: Erika Nuzzo.

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano