ARCHITECTURE / TRAVEL

FREY HOUSE II

Dieci giorni, dieci giorni a Los Angeles catapultati da un normale Ottobre milanese al sole della California, a quello stile di vita che ci è sembrata una boccata d’ossigeno più che un viaggio.

Dopo questi dieci giorni passati a cercare indirizzi improbabili di case nascoste in quartieri banali e disegnate da nomi celebri dell’architettura, abbiamo lasciato L.A. alle nostre spalle e abbiamo imboccato una di quelle strade che in California offrono un paesaggio fatto di sabbia a destra e sabbia a sinistra, il deserto.

Siamo arrivati a Palm Springs ed era proprio come una di quelle cartoline che descrivono l’America degli anziani in viaggio premio e le guide turistiche con l’ombrellino a ripararsi dal sole, ma noi lì siamo arrivati con in testa la voglia di realizzare un desiderio che da qualche anno ricorreva nella nostra lista dei viaggi da fare, primo o poi, nella vita.

Un angolo tra cielo, sabbia e rocce

Siamo arrivati a Palm Springs per l’anteprima della Modernism Week, la manifestazione che apre due volte all’anno le porte di gioielli dell’architettura Mid Century e permette ai comuni mortali di toccare con mano quelle case viste troppo in troppi libri.

Partecipare alla Modernism Week apre le porte di tante case e noi avevamo scelto di vedere la Frey House II, un po’ per caso un po’ perché certe foto ci avevano fatto sognare ancora prima di partire.

Faceva caldo, soprattutto per noi che eravamo abituati all’autunno di Milano e, dopo aver girato a vuoto per le strade di Palm Springs, abbiamo trovato il punto di incontro per partire con la visita di questa casa che non è raggiungibile con mezzi privati. Ci siamo seduti nel van e abbiamo aspettato poco o tanto non lo so perché ero troppo distratta da quello che vedevo tra il vetro e le tendine, fino a quando abbiamo scoperto questo angolo tra cielo, sabbia e rocce che Albert Frey aveva deciso di chiamare casa.

Quello che si dice sulle dimensioni in questo caso è vero, la Frey House II è piccola. In un solo colpo d’occhio ho visto cucina, bagno, salotto e camera da letto ma who cares se tutt’intorno la casa si apre verso un paesaggio da togliere il fiato. Il confine tra interno e esterno smette di esistere, le rocce oltre il vetro diventano parte della casa, l’acqua che sembra essere un miraggio è invece la piscina a pochi centimetri dal salotto.

I colori della natura sono parte di questa casa e la poesia tra il costruito e la natura è racchiusa in quella tenda gialla noncurante del suo essere poco convenzionale, nell’appoggiarsi contro una roccia piuttosto che una parete.

E’ stato bello fermarsi per un attimo e immaginare di svegliarsi nel 1964 in quella casa con la vista a perdita d’occhio su Palm Springs e sul deserto; di lavorare come aveva scelto Albert Frey da un piano rialzato per avere un punto di vista privilegiato sull’intorno.

Il caldo, le tende azzurre e gialle, le piastrelle rosa del bagno, il beige della sabbia e i riflessi dell’acqua sono tra quei ricordi che si mettono in valigia e si portano a casa come il più prezioso dei souvenir e la voracità con cui abbiamo cercato i dettagli di quella casa sono la dimostrazione che certe passioni non le puoi lasciare tra le pagine di un libro.

Photo Credit: Simple Flair

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano