DESIGN / FASHION

COS & HAY JUST DIT IT AGAIN

In principio fu la condivisione di valori e di un’estetica ben precisa, retaggio della comune origine scandinava, e un’indubbia dedizione per il design funzionale unito a dettagli squisitamente inediti. Da parecchi anni questa sinergia si respira all’interno degli store del brand di moda COS, dove gli arredi firmati Hay incorniciano spazi più lifestyle che retail e free-standing di design ospitano i pezzi delle collezioni, stagione dopo stagione.

Fino allo scorso settembre, quando la partnership si è concretizzata nel lancio di una selezione congiunta di complementi Hay, tra cui una coppia di tavoli pieghevoli realizzati in collaborazione con il designer spagnolo Tomas Alonso.

La storia si ripete per la primavera 2016, rinnovando la collaborazione con una proposta più estesa di oggetti per la casa, disponibili in esclusiva in tre negozi COS (Londra – High Street Kensington, Vienna e Göteborg) e in edizione limitata online.

Dove sta, dunque, la novità? Non trattandosi propriamente di una collezione – nulla di nuovo è stato creato – si scopre nella selezione il suo significato più nobile: un insieme di pezzi preesistenti, as- semblati con cura sartoriale da sembrare piuttosto una capsule collection. Il fatto stesso di essere “scelti a mano”, nell’epoca della mass-customization, diventa per il design rilevante quanto la label “fatto a mano” su un cappotto.

La gamma di arredi e accessori ruota attorno a tre core categoriesliving, working e dining, ispi- randosi al mondo dell’arte, del design e dell’architettura.

E poi ci sono i colori, a completare la de- finizione di collezione rendendola primaverile per eccellenza: la freschezza delle palette di verde, blu, rosa e giallo accostata alla percezione tattile del legno chiaro e delle finiture in sughero.

Ritroviamo così quegli stessi oggetti scattati qualche mese fa dall’art director Osma Harvilahti  in un setting natural- mente surreale e acontestuale – la penna a sfera dorata, l’orologio analogico da muro, il portacan- dele mat… – qui invece attualizzati in uno spazio che li rende estremamente funzionali e ricono- scibili: la bellezza artistica fine a se stessa si fa abilità “artigianale” nella sua veste più concreta.

Come affermano le parole del direttore creativo di COS Martin Andersson che, esprimendo la soddisfazione del brand per il riscontro favorevole sulla collaborazio- ne anche da parte della clientela, ne annuncia la continuità in futuro, descrivendo il rapporto tra i due come “Hay, visto attraverso gli occhi di COS”.

I co-founder di Hay, dal canto loro, hanno saputo cogliere come già altri brand l’importanza di svincolarsi dalle etichette e posizionarsi in quell’in-between tra moda e design. Lavorando insieme a COS su più livelli e progetti, hanno trovato la casa perfetta per i loro prodotti.

E così ogni giovane designer riconosce in COS il brand più adatto a vestire i propri non-armadi.

credits: COS, Hay.

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano