ARCHITECTURE / EXHIBITIONS

WE ARE GOLDEN

Capita di scorrere tante immagini tra progetti e oggetti, in alcuni casi le somiglianze sono sottili in altre sono appariscenti come un involucro dalle sfumature dorate. Una galleria di tre progetti realizzati da studi diversi e senza un nesso geografico, legati da quella matericità che difficilmente passa inosservata.

1 La scuola della Musica a Vic, progettata dallo studio UTE, comprende teatro, auditorium, servizi, scuola e ristorante in una zona della città al confine tra il tessuto storico e quello in espansione. I volumi dalle forme geometriche nette sono rivestiti con una lega di rame-alluminio, visibile da ogni altra zona della città spagnola si inserisce nel tessuto urbano come punto di riferimento fortemente riconoscibile. gold_building_3

2 Un complesso di edifici  progettati da Pitagoras Arquitectos destinati al mercato comunale di Guimarães e a degli spazi polifunzionali rigenerati, restituiti alla città. Il complesso è costituito da diverse unità indipendenti in contrasto con tutto quello che le circonda con un rivestimento realizzato utilizzato una griglia di profilati metallici on ottone. Una tensione tangibile tra materiali contrastanti, il tessuto urbano e la piazza adiacente al progetto, realizzata seguendo un disegno asettico, minimale, dove è il cemento ad essere protagonista.gold_building_4

3 Come un meteorite caduto dal cielo e piombato a Miami durante una delle fiere dedicate all’arte più importanti al mondo, il progetto di Edouard François all’interno delle Galerie Philippe Gravier è un nuovo risultato al confine tra arte, design e architettura. Il progetto dell’architetto francese, pioniere nel settore della bioarchitettura, è un ambizioso progetto realizzato in oro e titanio per rispondere al tema “Small Nomad”.gold_building_2

1 Comment

  1. siboney2046

    A touch of gold non si nega mai!

© 2010 - 2017 simple flair ™ - milano