ARCHITECTURE / INTERIORS

APARTMENT TIBBAUT

Le premesse non erano semplici ma il progetto di RAS Arquitectura per l’Appartamento Tibbaut sembra dimostrare come trasformare i limiti in spunti progettuali. Lo stato di fatto prima dell’intervento era uno spazio sotterraneo, vicino al mare, scarsamente illuminato, umido e di 55 metri quadri con la richiesta del committente di trasformarlo in un appartamento open space.

Nonostante le dimensioni ridotte al suo interno erano presenti elementi monumentali come i due pilastri ottagonali in pietra e il soffitto a volta per sostenere tutti i piani superiori.

L’intervento di ristrutturazione ha portato alla realizzazione di un ambiente complesso, bilanciato tra uno spazio centrale polifunzionale ed uno perimetrale dove vengono distribuiti cucina, camera da letto, spogliatoio, bagno, ripostiglio e cucina.

Le pareti divisorie in laminato non raggiungono mai il soffitto, per permettere da ogni punto la visione completa delle volte, mentre pavimenti e pareti sono bianchi per consentire alla poca luce di rimbalzare sulle superfici.

Nonostante i lavori di ristrutturazione siano stati lenti e complessi (impermeabilizzazione, isolamento e asciugatura hanno richiesto molta pazienza e ottime capacità tecniche), quello che vediamo alla fine è un piccolo miracolo progettuale, dove la luce naturale viene amplificata come anche gli spazi e il gioco di complessità degli spazi aggiunge carattere all’intero progetto, senza dimenticare di risolvere problemi primari come l’umidità e l’isolamento.

credits: jose hevia, rasarquitectura.com

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano