ARCHITECTURE / INTERIORS

IN SICILY

Tre progetti per viaggiare attraverso le scelte di tre studi in tre territori diversi ma non così lontani. Il legame è la Sicilia ma non solo, perché Casa SG, Casa O e CCF sembrano non essere così distanti per la scelta dei volumi netti e l’alternanza tra il bianco ottico e le superfici materiche.

Che si stia delineando una linea di pensiero progettuale condivisa o meno, quello che colpisce è la contrapposizione tra l’immaginario comune legato alla regione delle ceramiche e degli arancini, dei templi e del mare blu, con un minimalismo rivisitato, fatto di italianità e un dosaggio preciso di materiali e colori.

Casa O è un progetto di riqualificazione ad opera di Morana+Rao Architetti vicino Siracusa, basata sulla relazione tra il volume bianco con l’esterno, grazie alla grande apertura/ingresso schermata da una chiusura in legno. Questa dependance, un parallelepipedo bianco posizionato sul lotto allineata alla casa padronale, al suo interno vede alternarsi gli spazi dedicati a due camere da letto, i servizi e una zona giorno da poter connettere alla costruzione principale o schermare con la chiusura dell’ingresso principale.

Casa CCF è il risultato della ristrutturazione di una casa vacanze sull’isola di Favignana, progettata dallo studio Aca Amore Campione Architettura.

L’architettura esistente è tipica del lungomare di Favignana, una casa in linea con corpo scala laterale, terrazza di copertura e bottega al piano terra. L’intervento di ristrutturazione è un continuo susseguirsi di riferimenti tra l’isola e gli ambienti interni, con l’esaltazione del volume puro, la grande vetrata verso il paesaggio e la scelta dei materiali.

All’interno infatti il progetto prevede finiture non di pregio, con intonaci grezzi, pavimentazioni in resine cementizie monocromatiche e arredi in legno realizzati su misura.

Per Casa SG il progetto dello studioTuttiarchitetti  è compatto, il volume pieno è alterato da due tagli diagonali che ospitano i due terrazzi rivolti uno verso i giardini di quartiere e l’altro verso la città, Catania.

Per lo studio degli interni gli architetti selezionano un numero limitato di arredi di design e attribuiscono forza al progetto attraverso gli elementi progettuali legati ai materiali, giocando sull’alternanza di pareti intonacate, pavimenti, setti in legno e luce zenitale.

credits: morana-rao.com, sebastianoamore.com, tuttiarchitetti.com.

2 Comments

  1. MARMARA APARTAMENT | Simple Flair | design magazine

    […] quasi poveri e realizzati in legno lamellare chiaro trattato. Questi arredi seguono un trend che abbiamo orami imparato a conoscere da tempo, soprattutto in quali spazi dove ogni centimetro è fondamentale e un arredo su misura fa davvero […]

  2. siboney2046

    Apprezzo molto cha anche la tradizionale architettura italiana si stia svecchiando introducendo un linguaggio più moderno ma non meno affascinante. Il contrasto con gli elementi più tradizionali, poi, conferisce un pregevole plus valore.

© 2010 - 2018 simple flair ™ - milano